IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Il Torrione abbandonato e sporco

Jemo’nnanzi torna ad occuparsi del Torrione con l’ultima segnalazione di degrado ed in rovina.

L’angolo del Torrione risulta ancora, e sempre più, in completo stato di abbandono: immondizia, tegole, sporcizia varia (tra cui cartelloni improvvisati), una antiestetica antenna Telecom e una vecchia bandiera stracciata, che risale all’adunata degli alpini di due anni fa.

FLASH MOB TORRIONE

Il Gruppo d’azione civico Jemo ’nnanzi, sorto dopo il terremoto del 6 aprile 2009, si era già occupato del monumento del Torrione nella scorsa primavera con una manifestazione ed un flash mob di sensibilizzazione, il 1 marzo 2017.
Il Torrione ricoperto dal grande tricolore aveva sortito immediate reazioni di interessamento sia del sindaco Cialente che del presidente della Fondazione Carispaq Fanfani, che aveva annunciato uno stanziamento di fondi per il recupero del monumento.

torrione

Intanto, il sindaco Massimo Cialente aveva subito inviato alcuni operai comunali a raccogliere le pietre cadute, a causa del terremoto, ed a sistemarle in modo da non farle disperdere.

E’ di questi giorni la notizia dell’impegno di 100mila euro di stanziamento da parte della Fondazione Carispaq per il recupero del Monumento simbolo dell’omonimo quartiere.

In attesa sin dal giorno del terremoto che qualcuno si ricordasse di preservarlo, diversi erano stati gli interessamenti: nel 2015, infatti, l’Associazione costruttori (Ance) aveva proposto una sistemazione “rapida” con uno stanziamento minimo di 20 mila euro, a cui aveva ribattuto il Comune con un progetto strutturale da 120 mila, poi il nulla.

torrione

Incerta l’origine del monumento che alcuni studiosi fanno risalire ad un Mausoleo di epoca romana, altri ad una stele funeraria, altri ancora ad un pilastro di un acquedotto del Quattrocento.

X