IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Sport

L’Aquila Rugby, la città abbraccia la sua squadra

No, non ci stanno ad essere ricordati come i ragazzi che hanno visto crollare il sogno L’Aquila Rugby.

Dopo quella partita contro il Prato Sesto che non si è mai disputata, gli atleti della palla ovale sono comunque scesi in campo, stavolta faccia a faccia con la cittadinanza.

Ieri sera l’Auditorium Renzo Piano vibrava della presenza dei cittadini, di quella vicinanza che i ragazzi più volte hanno chiesto e che non smettono di chiedere. Scopo dell’incontro: raccogliere fondi per andare avanti e disputare il campionato, con o senza l’apporto della dirigenza.

“Vogliamo restituire la squadra ai cittadini, creare un legame forte con voi, perché ci servite. Pubblico e tifosi sono il 16′ uomo in campo. Non abbiamo una divisa, non abbiamo niente: ma ci presentiamo ugualmente”.

Il veterano della squadra, Carlo Cerasoli, ha aggiunto:

“Grazie per averci dimostrato quanto ci teniate al rugby a L’Aquila. Ho avuto la fortuna di giocare con tante persone, campioni: mai sono stato così orgoglioso di rappresentare uomini che hanno dimostrato di onorare questa maglia e la sua storia”.

A breve sarà disponibile un codice IBAN dedicato, spiega al Capoluogo uno degli organizzatori della serata Luca Frascaria, ma si punterà soprattutto sugli abbonamenti: tribuna a 90 euro e distinti a 50 euro.

Nella serata di ieri sono stati raccolti 3456 € e sottoscritti 39 nuovi abbonati per la stagione per euro 3000.

La campagna abbonamenti continua ed è possibile acquistarli presso il campo sportivo di piazza d’armi dalle 15:00 alle 17:00 circa dal martedì al venerdì (per informazioni: associazionerugbistiaquilani@gmail.com)

L'Aquila Rugby

Le somme raccolte verranno gestite da un comitato di garanti rappresentato dagli ex giocatori Carlo Caione, Lanfranco Massimi e Fulvio Di Carlo  e saranno utilizzate per comprare materiale tecnico e sanitario.

L'Aquila Rugby

Quella di ieri sera è stata un’iniziativa al di fuori dello staff dirigenziale, ha spiegato il capitano de L’Aquila Rugby Marcello Angelini. Che ha ricordato tutte le difficoltà della scorsa stagione: ospiti del progetto Case, a stagione inoltrata gli atleti sono stati costretti a lasciare gli alloggi perché non erano state pagate le utenze e non avevano nemmeno più la corrente. Sono stati ospitati dagli altri compagni. Nonostante tutto, sono ancora al loro posto: “Siamo qui e non vogliamo mollare”.

A fine di ogni intervento, applausi interminabili. C’erano anche il sindaco Pierluigi Biondi, con il vice Liris e l’assessore allo sport Piccinini. Una città intera ad abbracciare la propria squadra di rugby.

Le parole del primo cittadino:

“Lo stato di salute dell’Aquila rugby è grave, ma non irrecuperabile. C’è bisogno di un cambio di passo rispetto al passato per dimostrare alla città, e a chi vuole sostenere la squadra e questi ragazzi, che il tempo delle invidie e delle cattiverie è finito ed è arrivato quello della buona volontà. Come Amministrazione abbiamo fatto quello che potevamo. Continueremo a sostenere questi colori e quello che è un bene della comunità aquilana”.

(d.r.)

X