IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Gole San Venanzio, verso la riapertura

Tempi stretti per la riapertura della Tiburtina nel tratto che collega direttamente la Valle Subequana a quella Peligna.

Manca circa un mese alla data fissata – il 31 ottobre – per la riapertura dopo i lavori di messa in sicurezza e quelli relativi alla costruzione di una galleria paramassi nei pressi della centrale Enel, nel cuore delle Gole di San Venanzio.

[Muore la Valle Subequana, isolata da 70 giorni]

Lavori ingenti, su una sede stradale stretta e tortuosa, che non consentono il transito delle auto in concomitanza all’esecuzione delle opere: un problema reale per gli abitanti di questo spicchio di Abruzzo interno, che per l’intera estate e ancora per un mese dovranno percorrere la ‘Costa’ – la SP9 Marsicana – strada alternativa percorribile però solo quando il clima non rigido lo consente, viste le pendenze che in alcuni tratti sfiorano il 18%.

Si è svolta quindi nei giorni scorsi una riunione tra l’Anas, i comuni del territorio e il locale comitato proprio per scongiurare un nuovo rinvio della apertura: già nello scorso luglio si era paventata una apertura temporanea per dare un po’ di ossigeno al territorio e ai suoi abitanti.

La cosa non si rivelò poi fattibile per questioni legate all’economia dei lavori: l’impresa Tenaglia si impegnò a lavorare su più turni anche nel pieno di agosto pur di garantire la riapertura entro il 31 ottobre.

L’impegno resta quello di riaprire il 31 ottobre o al massimo con lo slittamento di pochi giorni per rimettere in sicurezza i punti sui quali si è lavorato: questo è quanto emerge dalla riunione.

Tuttavia l’opera di messa in sicurezza della Tiburtina nel tratto delle Gole di San Venanzio – lavori che a corrente alternata ormai vanno avanti da 11 anni – non è ancora conclusa: siamo al 40% circa, tra la posa in opera di reti paramassi e le barriere paramassi.

Della galleria prevista in quel tratto si vede a malapena l’intelaiatura: i pali, in sostanza. Ecco perché è certa la prosecuzione dei lavori, con conseguente nuova chiusura della strada, in primavera.

Peraltro, i lavori in corso hanno causato non pochi problemi anche a livello idrico: nel corso delle operazioni si è rotta una grossa conduttura che porta l’acqua verso Raiano. Ecco il perché della convocazione, all’interno della riunione del 26 settembre, anche del sindaco di Raiano e del presidente di Saca: in tempi brevi verrà ripristinata la condotta.

Ciò che preme è la riapertura, seppur regolata con impianto semaforico perché a senso alternato, della Tiburtina per il periodo invernale: ne va non solo della possibilità di accesso ai principali servizi per gli abitanti della Valle Subequana – dall’ospedale alle scuole – ma soprattutto della sicurezza, visto che la strada alternativa è difficilmente percorribile quando gela o nevica.

Durante la terribile stagione degli incendi appena conclusa, la Valle Subequana si è ritrovata isolata per qualche ora. Le fiamme che risalivano dal Morrone hanno rischiato infatti di svalicare nella valle arrivando sulla Sp9 Marsicana, chiusa proprio per questioni di sicurezza.

X