IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Il caro-rifiuti dell’Asm

Dove vanno a finire i nostri rifiuti indifferenziati? E quanto costa la raccolta e il trasporto? Su questo sta indagando la Guardia di Finanza dell’Aquila.

Già dal mese scorso una serie di documentazioni dettagliate è oggetto dell’attenzione della Guardia di Finanza. In particolare le indagini di polizia economico-finanziaria puntano l’attenzione sulla gestione e affidamento del servizio di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Si ipotizza un danno erariale all’interno dell’Asm perché il trattamento dei rifiuti trasportati all’Aciam Spa, l’azienda consorziale di igiene ambientale marsicana, costa di più rispetto a quanto richiesto dal Cogesa di Sulmona.

Già nel Dicembre del 2011 l’Asm insieme alla Segen Spa, Società ad intera partecipazione pubblica formato da 13 Comuni,  aveva presentato un progetto di attivazione di un impianto mobile di smaltimento dei rifiuti da istallare presso il sito di Sante Marie. Si chiedevano di 134,5 euro a tonnellata.

Con una nota del Gennaio 2013 la regione Abruzzo comunica che l’impianto della Segen non è in condizione di operare.

Quindi i rifiuti per un anno sono stati conferiti al Cirsu di Teramo, con un affidamento diretto e senza nessun preavviso al Consorzio stabile ambiente (Scarl) di cui fa parte la ditta aquilana Csa di Augusto Iovenitti.

In un secondo momento l’Asm dirotta l’intero ciclo del trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati nelle mani di Aciam a discapito della Cogesa, nonostante l’offerta economica di quest’ultima fosse più vantaggiosa.  La tariffa a bocca di impianto pagata con i soldi pubblici, 134 euro a tonnellata, risultava essere superiore  rispetto a ciò che la Cogesa aveva offerto, vale a dire 128,09 euro a tonnellata.

Nel verbale del Consiglio d’Amministrazione di Asm del 16 ottobre 2013 si legge che l’azienda ha dovuto conferire obbligatoriamente nell’impianto Aciam.

Al centro delle indagini quest’ultimo aspetto. [fm]

 

 

X