IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Mobilità e Parcheggi, vita sospesa per i lavoratori

di Eleonora Falci

Senza stipendio da tre mesi, con i contratti passati a part time perché il lavoro non c’è e zero certezze: è una “vita sospesa” quella dei lavoratori di Mobilità e Parcheggi.

Ancora una volta, negli ultimi mesi, i sindacati lanciano l’allarme sulla situazione in cui versa M&P, società che nel pre sisma gestiva il Terminal e la sosta a pagamento sulle strisce blu.

I lavoratori sono un po’ meno di 20, i loro orari sono stati tutti ridotti da full time a part time – tranne per un paio di amministrativi.

Fulcro della situazione, che si trascina da anni ma che si è fatta ancor più dura dallo scorso autunno, la mancata riattivazione dei parcheggi a pagamento in centro – le strisce blu: prima annunciate, poi approvate con una delibera di Giunta e infine, con l’arrivo della nuova amministrazione targata Biondi, tornate bianche.

[Parcheggi, la storia senza fine]

No ai parcheggi a pagamento in centro: questa è la direzione – ben definita – indicata dal sindaco e dall’assessorato guidato da Carla Mannetti.

Sullo sfondo, il contenzioso tra il Comune e la stessa società, di poco più di un milione di euro. A tanto ammonta il debito di M&P per il pagamento della Tarsu non pagata dal 2009 ad oggi.

Per la gestione della sosta a pagamento, peraltro, è opportuno indire una gara europea, dalla quale M&P potrebbe anche rimanere fuori.

Ecco perché Domenico Fontana (CGIL) parla di ‘vita sospesa’: non ci sono certezze nelle esistenze dei lavoratori.

“Attualmente l’unica attività è la gestione del Terminal” dice a Il Capoluogo.

“Per cui la società non ha piena sostenibilità economica. Già il personale è stato lungamente penalizzato, i loro orari di lavoro ridotti: ora l’azienda è arrivata al capolinea, visto che non può vivere solo delle attività del Terminal”.

Sul contenzioso, ulteriormente, non vi sono certezze: probabilmente, presume Fontana, “si sta ragionando con il Comune in termini compensativi. Ma i lavoratori devono avere certezze”.

“La sola gestione del Terminal non basta e senza strisce blu è impossibile andare avanti. Sono nove anni che facciamo riunioni, assistiamo a delibere mai attuate: così non si può più andare avanti”.

Un incontro specifico sulla situazione di M&P ancora non c’è stato tra l’amministrazione Biondi e i sindacati:

“Ci siamo seduti ad un tavolo per parlare della situazione generica dei trasporti, di Ama. Abbiamo chiesto un incontro specifico su Mobilità e Parcheggi ma ancora non siamo stati convocati.”

X