IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Morrone, focolai a Colle delle Vacche

Una spessa coltre di materiale combustibile ammassato da una slavina di qualche anno fa continua a far sudare gli operatori che lavorano sul Monte Morrone. Siamo al giorno Sedici.

La zona, evidentemente mai ripulita in questi anni, alimenta i focolai ancora attivi nella parte alta del Colle delle Vacche. Alcuni fumaioli sono stati spenti con i voli dei Canadair e dell’elicottero dei Vigili del Fuoco. Intanto prosegue il rilievo termico per la determinazione delle aree interessate dagli incendi.

Nella giornata di domenica sono stati impiegati sei canadair in totale e un elicottero dei Vigili del Fuoco, per un totale di 32 lanci. In particolare, secondo quanto rende noto il Centro Operativo Misto (COM) di Sulmona, sul Monte Morrone sono state impiegate diverse squadre miste (VV.F. Esercito e Volontari) per un totale di 100 unità con vari mezzi antincendio, a Prezza, Goriano e Raiano sono state impiegate 25 unità con diversi mezzi antincendio, a Pacentro 10 unità con vari mezzi antincendio ed infine a Secinaro 22 unità con vari mezzi antincendio.

Oggi sono scesi in campo anche nove operai forestali, muniti di motoseghe, per tagliare gli alberi sradicati dalla slavina.

Stamane i consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri hanno presentato un’interrogazione al Presidente di Regione D’Alfonso:

“Il Presidente D’Alfonso e gli assessori vengano in Consiglio regionale per spiegare a tutti gli abruzzesi cosa non ha funzionato e soprattutto le vere concause di questi devastanti incendi che hanno danneggiato in maniera indelebile le nostre montagne, il patrimonio boschivo e intere porzioni di Parco. La Regione Abruzzo, inoltre, torni a svolgere il proprio ruolo e funzione rispondendo in maniera chiara alle evidenti responsabilità di questo esecutivo regionale come il blocco della Misura 8.3.1 del Programma di Sviluppo Rurale e sulla mancata attuazione delle misure straordinarie, sia strutturali che finanziarie, come indicate nella missiva firmata dal presidente del Consiglio dei Ministri Gentiloni e inviata a tutti i presidenti di Regione il 13 giugno scorso.”

X