IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Perdonanza, tra sicurezza e cantieri

La 723esima edizione della Perdonanza Celestiniana sta per avere inizio e sicurezza sembra essere la parola d’ordine.

 

Costi da capogiro da spendere in strette misure di sicurezza, soprattutto dopo i fatti di Barcellona, cantieri chiusi e traffico limitato in centro storico.

Quest’anno, in occasione del Corteo della Bolla, saranno necessarie transenne antiribaltamento e verranno predisposte vie di fuga: il piazzale di Collemaggio sarà diviso in quattro settori, tutti transennati.

 

Il tutto per un costo complessivo in più – almeno fino a questo momento – di circa 55mila euro, più Iva, fuori dal budget della Perdonanza Celestiniana numero 723, per il solo adeguamento del piazzale di Collemaggio alle nuove normative sulla sicurezza, che da oggi prevedono anche i riti religiosi, che prima erano esclusi.

«Sono le conseguenze delle restrizioni dettate prima dal ministro dell’Interno Marco Minniti e dal capo della polizia Franco Gabrielli, poi dalle direttive della riunione di ieri mattina (sabato, ndr) in prefettura del Comitato provinciale e comunale per la sicurezza e gli spettacoli dopo i fatti di Barcellona», afferma il vicepresidente e coordinatore del Comitato Perdonanza Celestiniana, Alfredo Moroni.

Alla riunione di sabato mattina ha partecipato il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, insieme ai sindaci e rappresentanti di altri Comuni della provincia aquilana, in particolare Luco dei Marsi. Le nuove misure di sicurezza stanno infatti interessando tutti gli eventi estivi dell’aquilano.

«La novità è un’ulteriore restrizione anche per la parte religiosa della Perdonanza, che era rimasta fuori dalle prescrizioni sulla sicurezza», aggiunge Moroni. «Bisognerà approntare delle vie di fuga anche per il Corteo della Bolla, sia il 28 agosto per l’apertura della Porta Santa, che il giorno dopo, per la chiusura e il rientro della Bolla in Comune. Ma le prescrizioni riguardano tutte le cerimonie e celebrazioni religiose a partire dal giorno di apertura della Perdonanza, mercoledì 23 agosto. Il problema è che secondo le nuove disposizioni in materia di sicurezza, sono obbligatorie le transenne non ribaltabili, che finora non ha nessun Comune, in quanto non sono mai state previste», sottolinea il vicepresidente del Comitato Perdonanza, «e dobbiamo reperirle e affittarle. Ne serviranno 800 solo per Collemaggio».

«Questo senza contare», precisa Moroni, «che le prescrizioni dettate ieri dalla prefettura, su direttiva del Viminale, riguardano anche le manifestazioni minori. Gli uffici della Protezione civile del Comune hanno chiesto dei preventivi a società che si occupano di sicurezza e si aggirano tutti intorno ai 40mila euro più Iva. Più i 15mila euro per le transenne – solo per Collemaggio – e tutto il resto delle manifestazioni. Saranno impegnate almeno 150 persone, tra volontari e dipendenti comunali».

«Ci costerà a momenti più il piano safety e security, che il programma di concerti ed eventi previsti per la parte civica della Perdonanza e anche del Jazz del 3 settembre», dice il sindaco Biondi, che ha lasciato piena delega all’assessore Emanuele Imprudente e a Moroni.

Da oggi scatta inoltre l’ordinanza anti bivacco, che impone il divieto di stoccaggio di bevande e alimenti in aree del centro storico. Avrà validità fino al 4 settembre, a conclusione del Jazz Italiano per L’Aquila.

 

Modifiche alla viabilità e cantieri chiusi

 

Con ordinanza del corpo di Polizia municipale sono state disposte delle modifiche alla viabilità in occasione degli eventi che caratterizzeranno la 723esima Perdonanza Celestiniana e la manifestazione il Jazz italiano per L’Aquila.

Dal 23 agosto al 3 settembre, dalle 19 all’1 del giorno successivo, sarà vietata la circolazione a tutti veicoli lungo corso Federico II, piazza Duomo, corso Vittorio Emanuele, piazza Regina Margherita, piazza Battaglione degli Alpini, via Garibaldi, piazza Chiarino, via Castello, via Malta, largo Pischedda, via e piazza San Bernardino, corso Principe Umberto, piazza Palazzo, via Bafile, piazza Santa Margherita. Via Pescara sarà a senso unico a scendere, da porta Castello a via Strinella.

L’ordinanza prevede inoltre la sistemazione di transenne a protezione dei varchi (in particolare quelli che immettono nella zona rossa) e l’istituzione di divieti di sosta. L’accesso e la sosta, oltre che ai mezzi del Comune in servizio e a quelli delle forze dell’ordine, sarà consentito ai residenti e alle auto con a bordo persone con limitate capacità motorie, se munite dell’apposito permesso.

Il sindaco Pierluigi Biondi ha invece firmato un’ordinanza per motivi di sicurezza e pubblica incolumità, predisposta dal settore Ricostruzione privata, riguardante i cantieri nel centro storico in occasione dell’evento celestiniano.

Oltre alle strade già contemplate dal provvedimento della Polizia municipale, i mezzi a servizio dei cantieri non potranno circolare lungo viale Nizza, piazza San Basilio e piazza Sant’Amico dal 23 al 27 agosto (con eccezione del cantiere di Asse Centrale scarl su via Indipendenza dal 23 al 25 agosto), mentre il 28 e il 29 agosto dovrà essere totalmente interrotta l’attività dei cantieri nel centro storico, con eliminazione dei carichi sospesi e la rimozione di eventuali ostacoli posti oltre l’area del cantiere.

Le due ordinanze, con le disposizioni dettagliate, sono pubblicate nella sezione “Provvedimenti” dell’area “Amministrazione Trasparente” del sito internet del Comune, www.comune.laquila.it.

X