IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Centro senza auto e basta botellon

Basta botellón – le scorte di alcoolici che i giovani comprano nei supermercati e poi consumano nel centro città, lasciando spesso immondizia e residui fino al giorno successivo – e centro storico pedonale dal 21 agosto al 4 settembre.

Sono le principali novità emerse da una conferenza stampa convocata stamattina dal sindaco Biondi per comunicare alcuni cambiamenti che riguarderanno da vicino chi vorrà vivere il centro storico nei giorni in cui L’Aquila punterà sugli eventi della Perdonanza e non solo.

Partiamo dalle novità: oltre alla nuova zona rossa – comunicata nei giorni scorsi e che prevede all’interno dei confini off limits anche strade già abitate – da venerdì prossimo saranno nuovamente percorribili via Verdi, via Castello e via San Bernardino.

L’obiettivo è quello di rendere pedonale l’intero centro storico dal 21 agosto al 4 settembre: ovvero dall’inizio degli eventi della Perdonanza alla fine della maratona del Jazz, passando per il Cinema all’Aperto alla Villa.

La chiusura al traffico veicolare sarà dalle 17 all’una: permessi speciali verranno accordati a residenti e commercianti.

Parcheggi gratuiti saranno disponibili nel Terminal: al vaglio dell’amministrazione anche un servizio navetta che porterà da Collemaggio e dal parcheggio del Tribunale al centro città.

Per la prima volta a L’Aquila ci sarà il divieto di bivacco, ha sottolineato l’Assessore al Commercio Alessandro Piccinini: “intensificheremo i controlli per evitare che i giovani si riforniscano di cibi e bevande nei supermercati e li consumino in centro storico a danno delle attività commerciali”.

Per dare una mano nel rispetto di tale ordinanza, verrà chiesto alle forze dell’ordine di collaborare con i vigili urbani: la settimana prossima si terrà un tavolo interforze per vagliare la fattibilità della proposta.

Ai locali verrà consentito di restare aperti fino alle 3 di notte, ma con controlli più serrati e regolamentati per quanto riguarda il limite ai decibel della musica diffusa dopo la mezzanotte

X