IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Piccinini, sport e politica

La sua prima uscita – come assessore in pectore – l’aveva fatta qualche ora prima dell’ufficializzazione delle nomine della Giunta: Alessandro Piccinini era infatti a Palazzo Fibbioni con Biondi e il presidente del CONI Malagò, venuto a L’Aquila per firmare una intesa con Action Aid.

Quella di Alessandro Piccinini ad Assessore allo Sport era in verità una delle poche nomine date per certe fin dai primi giorni di toto-Giunta.

Non solo perché Piccinini dello sport ha fatto un vero e proprio stile di vita, ma anche perché è una delle persone più vicine a Biondi, amico fraterno – con Liris e Cicchetti – e professionista per il quale il sindaco nutre profonda stima. Epiche e proverbiali le loro sfide a Tressette.

Da Stoccolma a New York, il neo assessore allo sport Piccinini di maratone ne ha corse davvero tante: e la politica l’affronta come una maratona, con grande costanza.

43 anni compiuti da poco, l’avvocato Piccinini è stato il più votato della sua lista, Meloni Fratelli d’Italia, con oltre 400 voti.

Vanta una lunga carriera fatta di incarichi prestigiosi nel suo settore: membro del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati dell’Aquila, presidente dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati ma anche docente per diversi corsi legati all’ e-business e al commercio internazionale.

Non a caso, una delle deleghe assegnate a Piccinini è quella al Commercio.

Amante dei cani e affezionatissimo alla sua Rosie, il neo assessore allo Sport ha chiaramente detto di voler puntare, come Comune, all’organizzazione di grandi eventi all’insegna di sport e turismo.

Ma Piccinini è intervenuto, insieme al sindaco Biondi, nella spinosa vicenda de L’Aquila Calcio: mercoledì scadono i termini per l’iscrizione al campionato di D e la compagine aquilana, presa da passaggi di consegne e cessioni non proprio chiare, ancora non risulta iscritta.

Proprio ieri Piccinini e Biondi hanno chiesto al più presto che la squadra venga iscritta:

In caso contrario  la città vivrebbe come un tradimento la cosa e la mancata iscrizione rappresenterebbe una macchia indelebile per chi, a tutt’oggi, ha in capo la gestione del sodalizio rossoblu”.

(e.f.)

Gli speciali de Il Capoluogo sul nuovo consiglio comunale e sulla nuova giunta

Liris, genesi del vicesindaco 

Tinari, il signore di Coppito 

Sabrina Di Cosimo punta in alto 

4 donne nella giunta Biondi 

Ersilia Lancia, la Meloni aquilana

Imprudente e D’Eramo, i Salviniani aquilani

X