IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Pierluigi Biondi al mercato di Piazza d’Armi

«Avevo promesso ai commercianti che sarei tornato» e oggi il neo eletto sindaco di L’Aquila è in visita al Mercato di Piazza d’Armi.

Pierluigi Biondi torna al Mercato di Piazza d’Armi per raccogliere da sindaco le istanze e le necessità degli ambulanti incontrati in campagna elettorale. Biondi non perde tempo e, già nella prima settimana di lavoro, affronta in mezzo alla gente le difficoltà degli aquilani.

pierluigi biondi

Il tempo incerto ha influito sulle presenze degli avventori di questo strano primo sabato di luglio e, quindi, gli ambulanti non hanno potuto mostrare oggi al primo cittadino i disagi creati dalla mancanza di parcheggi. Carenza che si fa pesante nei giorni di particolare affluenza, come il sabato.

Biondi, accompagnato dalla responsabile del servizio Cinzia Savini, dal dirigente Fabrizio Giannangeli e dai Vigili Urbani, ha ascoltato «le esigenze degli ambulanti, i progetti di riorganizzazione in essere e le posizioni sulle concessioni – ha spiegato al Capoluogo -. Ci saranno delle riunioni ufficiali in comune, intanto ho ritenuto importante venire al Mercato per ascoltare e capire le posizioni e le necessità di tutti».

IlCapoluogo, proprio lo scorso 29 giugno, nella festa di San Pietro e Paolo, si era recato al Mercato dove la giornalista Francesca Marchi aveva rilevato una bassissima presenza di bancarelle. «Il tempo incerto, la giornata dedicata ai Santi Pietro e Paolo, le vacanze estive hanno dirottato altrove gli ambulanti».

Altrove a caccia di maggiori affluenze? Al riparo dal caldo afoso e dal forte vento della giornata?

Già dall’inizio del 2016 si parlava dell’opportunità di coprire la piazza del mercato aquilano. La maggior parte delle piazze delle fredde capitali europee è dotata di coperture che incoraggino la presenza di avventori.

Si è parlato per mesi della possibilità di coprire il piazzale con una parte del tetto del decumano dell’Expo di Milano: al momento esiste un progetto in tal senso, ma ancora nessuna decisione presa. Qualora dovesse andare in porto il dono della copertura al comune dell’Aquila, come aveva scritto il giornalista del Capoluogo Giovanni Baiocchetti più di un anno e mezzo fa, rimarrebbe comunque da capire se effettivamente un tetto del genere può resistere alla neve degli inverni abruzzesi; la copertura del decumano è infatti leggera ed è stata ideata per l’estate milanese.

X