IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cementir brucia rifiuti: l’allarme del comitato AternoAria

Nell’impianto Cementir di Cagnano Amiterno si utilizzerà combustibile solido secondario (CSS) ovvero derivato dalla lavorazione dei rifiuti. Una autorizzazione – denunciano gli abitanti della zona a Il Capoluogo – concessa alla Cementir Sacci e della quale loro non sapevano nulla.

Per questo, hanno deciso di vederci chiaro e hanno costituito il comitato AternoAria: alle 18.30 di oggi si terrà un incontro con la popolazione nei locali dell’aula consiliare del Comune di Barete.

“La Cementir diventa di fatto un inceneritore” dice a il Capoluogo la dottoressa Maria Fioravanti, fra le cittadine che hanno costituito il comitato. “Qui si fa confusione fra combusto e combustione: la combustione avviene con il petrolio, il metano… ma la Cementir ha recentemente raddoppiato la linea di metano che arriva al cementificio proprio perché, per bruciare i rifiuti, servono temperature e potenza molto elevate”.

[Cagnano Amiterno, il cementificio diventa inceneritore]

“Diventerà un inceneritore, questo è il punto” prosegue Fioravanti. “Abbiamo costituito questo comitato, assolutamente non belligerante ma che vuole vederci chiaro: vogliamo certezze che queste attività non abbiano conseguenze negative, in termini di inquinamento e malattie, sul territorio e sui suoi abitanti.”

All’incontro di oggi sono stati invitati anche i sindaci e i cittadini dei territori circostanti che sono nell’area di ricaduta delle polveri

X