IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Il Giro d’Italia arriva in Abruzzo

La nona tappa del Giro d’Italia da Montenero di Bisaccia al Blockhaus arriva oggi in Abruzzo e fa da spartiacque alla corsa rosa.

 

Sono 149 i chilometri che porteranno i corridori dal Molise, provincia di Campobasso, all’Abruzzo, nelle province
di Chieti e Pescara. La frazione, che scatterà alle 13,10 dal piazzale Cavalieri di Vittorio Veneto, si presenta ondulata nella prima parte, lungo la Statale adriatica 16 a ridosso del mare, con il primo dei due traguardi di giornata a Vasto, dopo 18,9 chilometri.

Superata Francavilla, i corridori lasceranno il mare per attraversare Chieti (breve salita con pendenze elevate in alcuni tratti), dove è posto il secondo traguardo volante giornata (km 91,2, che assegnerà 3″, 2″ e 1″ di abbuoni). La corsa lascerà la Statale 5 per raggiungere Manoppello e Lettomanoppello, su strade strette e con il fondo
usurato. Subito dopo Roccamonice inizierà la salita finale.

Si tratta di una sfida lunga 13,650 chilometri, su strada stretta e con numerosi tornanti. Per quasi 10 chilometri la pendenza si mantiene sopra il 9 per cento, con punte fino al 14.
Brevissima contropendenza a 500 metri dal traguardo, con un rettilineo finale lungo 200 metri e largo 6, sempre in salita, con una pendenza intorno all’8 per cento e un’altezza di 1.665 metri sul livello del mare.

L’arrivo è previsto in Località Mamma Rosa, Petroro, fra le 17 e le 17,30. Il dislivello del Blockhaus è di 1.141 metri, la pendenza media dell’8,4 per cento, massima del 14 per cento.

Sul traguardo è posto un Gran premio della montagna di Prima Categoria. Montenero di Bisaccia è all’esordio come città sede di tappa del Giro, il Blockhaus ha invece già regalato emozioni: come nel 1967, quando vinse il belga Eddy
Merckx; nel 1968, successo di Franco Bitossi; nel 1972, lo spagnolo Manuel Fuente; nel 1984, Moreno Argentin; nel 2009, Stefano Garzelli trionfò in una frazione valida per il Giro del centenario.

X