IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Pausa Caffè, le elezioni raccontate dai giornalisti

Affrontare dal punto di vista giornalistico l’imminente appuntamento elettorale a L’Aquila. Torna Pausa Caffè per parlare di politica attraverso le voci di chi la racconta e la scrive ogni giorno: i giornalisti.

Ospite Stefano Dascoli, cronista de Il Messaggero, che, insieme a Roberta Galeotti, direttore de Il Capoluogo, ha affrontato il tema delle prossime elezioni a 360 gradi.

Elezioni importanti per la storia della città: se ne va Massimo Cialente, il sindaco del terremoto e già questo basta per dare una idea di un punto fermo. Dai due blocchi di centrodestra e centrosinistra ai civici: “Tutte candidature interessanti” dice Dascoli. “Sono ottimista: le proposte in campo sono molto valide”.

“Per i due blocchi ci sono di fronte due persone che si equivalgono a livello di competenza e cambiamento: due giovani, Di Benedetto e Biondi, impegnati, con grandi capacità amministrative. Politicamente, soffrono delle stesse difficoltà: devono gestire una coalizione ampia, con diverse anime e con tanti squali della politica alle loro spalle, pronti a fagocitarli. Entrambi hanno dimostrato grande personalità: Di Benedetto sfidando il sistema di governo del PD – nonostante la triade rivendichi l’appartenenza al partito del candidato sindaco – Biondi nel tenere il punto fermo. Spero comunque in un consiglio comunale di maggiore qualità: abbiamo assistito a cose non edificanti” aggiunge.

Su Noi con Salvini: una storia amara. “Ncs è stato il primo partito a proporre il candidato, un programma, un metodo, le primarie. Il centrodestra avrebbe fatto molto bene a fare le primarie. Ncs ha dovuto ingoiare il rospo del metodo e della candidatura di D’Eramo, saltati entrambi: un percorso di sofferenza politico, inevitabile, per riunire la coalizione.”

Sulle candidature di Carla Cimoroni  (L’Aquila Chiama) e Claudia Pagliariccio (Casapound): “due candidature interessanti” dice Dascoli.
“Casapound ha lavorato in maniera corposa nel post terremoto, con iniziative sociali di rilievo. Carla Cimoroni è persona in gamba, seria, preparata: rappresenta un lavoro importante, quello di Di Cesare e Vittorini, che in questa consiliatura hanno dimostrato una competenza amministrativa e politica superiore alla media. Un polo sul quale ha trovato la convergenza anche Rifondazione Comunista”.

Guarda Pausa Caffè di oggi, venerdì 28 aprile. 

X