IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

La Torre medicea risorge

Grande attesa per la posa della prima pietra per la ricostruzione della Torre Medicea del Borgo di Santo Stefano di Sessanio: appuntamento il 6 maggio alle 10:30. Prevista la presenza di Gianni Letta, del Sottosegretario Paola De Micheli e del Vice Presidente del CSM Giovanni Legnini.

invito santo stefano

L’imponente Torre merlata di forma cilindrica, distrutta quasi completamente dal sisma del 6 aprile 2009, dominava, emergendo dal profilo urbano, il nucleo centrale medievale del paese di Santo Stefano di Sessanio, uno dei borghi più suggestivi del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che, per l’armonia e integrità degli elementi architettonici, fa anche parte del Club dei Borghi più Belli d’Italia: un cammeo incastonato tra i monti, prossimo all’altipiano di Campo Imperatore.

A seguito della quasi completa distruzione ad opera del sisma che ha colpito la zona, la torre è stata sottoposta ad un intervento di messa in sicurezza con cui si è da subito riproposto l’originale skyline della struttura originaria.

La torre, di proprietà comunale, antecedentemente ai richiamati eventi sismici del 2009, era accessibile ai visitatori, offrendo, sulla sommità, una visuale unica a 360° non soltanto sul borgo ma sull’intero e spettacolare paesaggio circostante. Rappresenta il simbolo del paese e la sua storia è di fatto quella del borgo di Santo Stefano di Sessanio e dell’intero territorio circostante.

Per tale motivo, in concerto con la scelta virtuosa dell’Amministrazione comunale e della Soprintendenza Beni Ambientali Architettonici Storici Abruzzo, della conservazione dell’impianto insediativo in perfetta continuità con il paesaggio circostante, la riedificazione della torre, simbolo del territorio, è stata fortemente voluta; nel più breve tempo possibile, nel quadro degli interventi relativi al patrimonio architettonico di proprietà pubblica programmati dal Comune dopo gli eventi sismici, è stato infatti elargito il finanziamento, da parte dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, e sono state indette ed esperite le gare per la progettazione
e per l’affidamento dei lavori di restauro.

Coerentemente con i contenuti del Piano di Ricostruzione, si è assunto il progetto di recupero della torre come volano di una nuova fase di ripresa, potenziamento, sviluppo e rivitalizzazione del borgo, nonché per il rilancio di uno sviluppo culturale e turistico sostenibile di qualità, di cui Santo Stefano di Sessanio da anni rappresenta un modello, ripartendo proprio dall’edificio che ne ha segnato la genesi fondativa e che più lo rappresenta in termini simbolici e iconografici.

X