IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio cala il poker contro il San Teodoro

Quattro reti dei rossoblù contro il San Teodoro: mettono la firma al match Esposito in chiusura di primo tempo, poi Valenti, Minincleri e Nohman. I tifosi ricordano con uno striscione la priorità della cessione.

di Claudia Giannone

L’Aquila Calcio rifila un temibile poker al San Teodoro: grande prova dei rossoblù contro una squadra che si trova a lottare ardentemente contro il Muravera per cercare di salvare il salvabile. E al di là delle questioni discusse nella giornata di ieri con i tifosi, riguardanti la società e la cessione, e quelle della settimana appena trascorsa, con l’addio dello staff sanitario, si torna a parlare del campo, con un importante risultato che, però, lascia sempre un po’ di amaro in bocca per quello che sarebbe potuto essere, e che invece non è stato. Ma gli ultras ci tengono a ricordare ancora una volta ciò che conta davvero: uno striscione, questa volta non rimosso dalla società, recita a chiare lettere “Pagate l’iva, cedete gratis la società… Al resto penseremo noi!”

Mister Battistini in tribuna per la squalifica, in campo dal primo minuto non ci sono Pepe e Diktevicius, tenuti in panchina per precauzione, per permettere il pieno recupero. Solo Diktevicius troverà posto nell’ultimo quarto d’oro. Panchina anche per Gagliardini, entrato solo nel secondo tempo, che in settimana non era sembrato al top per alcuni problemi fisici.

Al 1′ minuto, calcio d’angolo per L’Aquila: Esposito ci prova di testa, palla alta. Un minuto dopo, risposta del San Teodoro: cross di Ibba, Gentile riceve palla ma il suo tentativo termina fuori. 12′, tiro cross di Valenti che attraversa l’area e viene quasi sfiorato da Peluso, ancora una volta la sfera va fuori.

Buon tiro di Minincleri al 19′, ma il capitano sbaglia l’apertura. Un minuto dopo, Valenti ci prova dai venti metri, ma il risultato non cambia. È Peluso al 26′ a cercare la rete, ma Corsi blocca un pallone insidioso. Tre minuti più tardi, colpo di testa di Ibba, ma Farroni non si lascia beffare.

La rete, però, arriva per L’Aquila, che merita di terminare in vantaggio il primo tempo: angolo respinto da Corsi, palla rimessa in mezzo per Esposito che spinge in rete e può festeggiare la rete con la squadra. Due minuti di recupero, duplice fischio dell’arbitro.

47′, scambio tra Peluso e Minincleri, il capitano tenta con un tiro a giro di raddoppiare, ma la sfera viene deviata in angolo. Ma a trovare la seconda rete del match è Valenti al 50′: esterno sinistro perfetto dell’attaccante rossoblù che festeggia sotto la curva. Ma trascorrono solo due minuti e arriva il terzo goal per L’Aquila: a siglare, questa volta, è Minincleri.

E non basta: 4-0 al 68′, finalmente a mettere la firma è Daniele Nohman, dopo vari tentativi nel corso del match, sciupati in malo modo. Manca solo la rete di Peluso, che per questo match non arriva. Risultato finale: 4-0.

L’AQUILA CALCIO: Farroni, Arboleda, Pietrantonio, Steri, Pupeschi (26′ st Gagliardini), Esposito, Minincleri, Ranelli (39′ st Sbarzella), Nohman, Peluso, Valenti (32′ st Diktevicius). A disp.: Salvetti, Sieno, Pepe, Ruggini, Lauro, Russo. All. Donato Laraspata.

SAN TEODORO: Corsi, Deiana, Malesa, Magnanelli (16′ st Pascuttini Velilla), Ferraro, Giannetti, Gambini, Vispo, Prandelli (16′ st Spano), Ibba (24′ st Puntoriere), Gentile. A disp.: Cherchi, Giacomelli, Gavioli, Ruzzittu. All. Tommaso Tatti.

ARBITRO: Valentina Finzi (Foligno).

ASSISTENTI: Matteo Castrica (Foligno), Mico Carpi Melchiorre (Orvieto).

AMMONITI: Esposito, Valenti.

ANGOLI: 7-5.

RECUPERO: 2′ pt, 2′ st.

X