IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cratere, agevolazioni per 3 anni su luce, acqua e gas

Il calo del turismo nelle regioni colpite dal terremoto è stato in media del 50%, raggiungendo in alcune aree punte del 70% in meno.

Lo ha detto Francesco Palumbo, direttore generale per il turismo del Mibact, nella conferenza stampa alla Camera organizzata da Fiavet (Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo) per presentare le nuove misure a sostegno dei territori colpiti dal sisma.

Dopo la sospensione di 6 mesi del pagamento delle bollette di energia elettrica, gas e acqua decisa subito dopo gli eventi sismici dello scorso anno, le popolazioni colpite dai terremoti del Centro Italia (di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria) potranno beneficiare di nuove importanti agevolazioni. L’Autorità per l’energia ha infatti stabilito che a partire dalla data degli eventi sismici, per 3 anni siano azzerate tutte le componenti tariffarie delle bollette di energia elettrica e gas, cioè non si pagheranno i costi relativi al trasporto e misura dell’energia e quelli per gli oneri generali di sistema; ugualmente per le utenze del servizio idrico non verranno applicati i corrispettivi tariffari per acquedotto, fognatura, depurazione e le componenti tariffarie UI di perequazione.
L’azzeramento, applicabile solo sulle componenti regolate, per la famiglia tipo vale sulla spesa media annua una riduzione di circa 200 euro sia per la bolletta elettrica che per quella gas, mentre copre il 100% della bolletta del servizio idrico. Inoltre, alla ripresa della fatturazione gli importi relativi agli eventuali consumi dovranno essere rateizzati per un periodo minimo di 24 mesi, senza interessi.

Per tutte le forniture (elettricità, gas naturale, gas diversi dal naturale distribuito a mezzo di reti canalizzate, acquedotto, fognatura e depurazione) verranno poi eliminati tutti i costi per nuove connessioni, disattivazioni, riattivazioni e/o volture.

Le agevolazioni saranno applicate in modo automatico a tutte le utenze che già esistevano nei comuni colpiti dal sisma e anche a quelle delle strutture abitative di emergenza e sono cumulabili con il bonus elettrico e gas o con eventuali meccanismi di sostegno locali per la fornitura idrica.
Abruzzo, Marche, Umbria e Lazio hanno subito un enorme danno enonomico, a causa del terremoto dei mesi scorsi, di circa 170 milioni di euro. Secondo le stime prodotte dalla Camera di commercio di Monza e Brianza sono stati persi 8 mila posti di lavoro delle strutture ricettive ed i danni per il turismo sono ingenti.
Per l’Umbria sono le peggiori valutazioni, poichè ha perso 80 milioni di entrate dal settore ristorazione, dalle strutture ricettive e dalle imprese collegate al turismo. Seguono a ruota le Marche che hanno visto volatilizzarsi 57 milioni di euro, infine Abruzzo e Lazio, con perdite rispettivamente di 16,7 e 15 milioni. L’ente di Monza e Brianza è arrivata a queste conclusioni con l’elaborazione dei dati Istat, della Banca d’Italia e del Ciset, ed ha partecipato ad un fondo solidale per la ripresa delle attività nelle regioni colpite con uno stanziamento di 90.000 euro. Alla raccolta dei fondi, promosso da Unioncamere, hanno contribuito tutte le Camere di commercio. Il segretario generale Mattioni spiega che per «ripartire le regioni hanno bisogno di ricominciare dalle attività economiche, perchè ora la speranza sembra un miraggio ma si deve lottare in questo senso per poter rialzarsi».
Da Campotosto a Santo Stefano di Sessanio, passando per Leonessa, Amatrice, Cascia, Norcia fino a Visso. Sono questi parte dei comuni messi in ginocchio dalle calamità naturali: terremoti e maltempo.

Intanto ha iniziato a girare il video  “Siamo un cuore unico, torna a trovarci”: con queste parole il nuovo spot della Rai, in onda su tutti i canali della tv pubblica, invita i turisti a ritornare nelle regioni colpite dai terremoti del centro Italia.

Immagini mozzafiato mostrano le bellezze paesaggistiche di Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria, formando idealmente un unico cuore. La nostra regione viene presentata attraverso riprese aeree di Rocca Calascio e della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, arricchite dai primi piani del lupo appenninico del Parco Nazionale d’Abruzzo.

X