IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Biondi: abbiamo un sogno

di Roberta Galeotti

Tutto il centro destra unito intorno a Pierluigi Biondi.

Non succedeva da oltre un decennio di vedere tutte le forze di centro destra sedute intorno allo stesso tavolo per supportare lo stesso candidato sindaco.

Pierluigi Biondi centrodestra

“Il primo ringraziamento va a Guido Liris e a Luigi D’Eramo – ha detto Pierluigi Biondi – Noi abbiamo condiviso un lungo periodo di politica insieme.
Entrambi non avrebbero sfigurato ad essere qui al mio posto questa sera.
Sono molto carico, come assunzione di responsabilità e per tutto quello che ci sarà da fare.
Il centro destra ha fortemente dimostrato quello che sa fare e lo ha fatto dopo il sisma del 2009.
Dopo 20 giorni dal terremoto il Governo Berlusconi aveva emesso il decreto con 10 miliardi e mezzo per la ricostruzione di un territorio di 150 mila abitanti. Non la lotteria delle casette di Amatrice.
Il centro destra può girare a testa alta e noi dobbiamo raccoglierne il testimone.
Durante l’emergenza abbiamo costruito  7000 alloggi in meno di un anno.
Le attività produttive hanno avuto la sospensione delle tasse con i 600 milioni di euro fatti stanziare da Gianni Letta.
La capacità che ha avuto il centro destra, sin dall’inizio, è stata quella di saper trasferire ad ogni cittadino la percezione che la città poteva farcela.
L’Aquila, fino al 2014, è stata ricostruita grazie ai soldi stanziati dal governo Berlusconi.
Le battaglie che abbiamo fatto successivamente con i governi di centro sinistra come sindaci sono state per ottenere un decimo di quello che avevamo ottenuto in 20 giorni dal governo Berlusconi.
La cosa più bella, che c’è adesso, è il sorriso delle persone contente che sono in sala, che iniziano un percorso per far rinascere L’Aquila.”

Pierluigi Biondi centrodestra

“Non ci tiene insieme nessun sistema di potere, o clientelare: noi abbiamo un sogno, ricostruire L’Aquila.”

“I prossimi 5 anni saranno determinanti. Vogliamo una Città dove si possa tornare ad essere felici di vivere” ha concluso un appassionato Biondi.
“Facciamo tornare in questa città l’assunzione di responsabilità, perché a L’Aquila le cose sbagliate non hanno mai un padre”.

Pierluigi Biondi centrodestra

Cinque forze politiche e tre civiche a sostegno di Biondi: Forza Italia, Noi Con Salvini, Fratelli d’Italia, UDC, Rivoluzione Cristiana, L’Aquila Città Aperta, L’Aquila Futura e il movimento civico Prima L’Aquila.

Vicino a Biondi, il segretario regionale di Forza Italia Nazario Pagano che ha sottolineato quanto ‘”per un lungo periodo ci siano state fasi accidentate per giungere alla condivisione di un solo candidato sindaco. L’importante oggi è essere qui. Berlusconi ci teneva che il centro destra andasse unito qui a L’Aquila.
È un segnale fondamentale alla città: gli aquilani hanno apprezzato la volontà di unità.
Stimo Pierluigi Biondi che ho conosciuto quando ero presidente del Consiglio Regionale, mentre lui era addetto stampa, per tre anni.
L’esperienza di sindaco a Villa Sant’Angelo giova a Pierluigi nel suo impegno a L’Aquila: quella esperienza, sia di gestione dell’emergenza post sisma e sia delle esperienze acquisite complessivamente nei 10 anni, sono un ottimo bagaglio da mettere a frutto.
Abbiamo costruito delle Liste civiche di grande spessore e la battaglia sarà vincente: gli esponenti di Fi sono convinti che questa battaglia si possa e si debba vincere. Siamo favoriti‘.

Pierluigi Biondi centrodestra

Ha fatto eco a Pagano il Senatore di Noi Con Salvini Paolo Arrigoni:
“Il candidato sindaco di NCS Luigi D’Eramo era stato lanciato da Salvini stesso sul palco di Pontida. Avevamo lanciato le primarie, dopo il diniego delle altre forze avevamo solo due scelte possibili la corsa solitaria o La scelta unitaria di una coalizione.
Il forte senso di responsabilità ci ha fatto dare riscontro alla volontà degli aquilani che chiedevano una coalizione allargata per vincere e scalzare il centro sinistra.
Luigi D’Eramo si è reso disponibile a fare il passo indietro e 10 giorni fa abbiamo scelto di convergere su Biondi. Questa unione delle forze ha frenato la conquista del centro sinistra e ha ribaltato i pronostici. Abbiamo bene in mente quale siano criticità non risolte e i problemi della città. Salvini tornerà convintamente a L’Aquila per dare forte sostegno alla coalizione”.

Etel Sigismondi, Coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, ha sottolineato infine  che “la vera notizia non è l’unità del centro destra, quanto che il centro destra abbia una proposta credibile di governo.
Fallito il progetto di governo del Pd il centro destra mette in campo una persona che si è fatta le ossa, che ha amministrato e che ha avuto un rapporto costante con i cittadini.

“Inoltre” ha chiuso Sigismondi annunciando la visita di Giorgia Meloni a L’Aquila lunedì 24 aprile “abbiamo una classe dirigente capace, con Liris, D’Eramo, Santangelo e Imprudente, in grado di guardare al futuro e di dare una prospettiva. Cosa che è mancata per troppi anni alla città”.

X