IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ciclabile, dopo l’inaugurazione atti vandalici

L’inaugurazione della prima tratta della Pista Polifunzionale dell’Aterno si divide tra salti di gioia, dopo la lunga attesa, e episodi spiacevoli.

Atti vandalici che, a ventiquattrore, dall’inaugurazione hanno interessato la segnaletica stradale anche nei pressi dell’abitato di Monticchio.

La denuncia arriva dai rappresentanti dei cittadini di Monticchio in seno al Consiglio Territoriale di Partecipazione N.11. “Il vandalismo, il sabotaggio e la violenza, anche solo verbale, non hanno alcun posto all’interno di una comunità civile e riteniamo di doverli condannare fermamente”- dichiarano, annunciando per  martedì 11 ore 21:00 un confronto pubblico presso i locali del Centro Anziani di Monticchio sul quanto accaduto e sulla necessità di collaborazione con l’amministrazione.

La pista, inaugurata nel primo tratto, sarà oggetto di ulteriori miglioramenti.

Il primo stralcio di lavori, affidati alla ditta aquilana Appalti Ursini srl ha un importo complessivo di 1,35 milioni di euro stanziati dalla Regione Abruzzo: l’intervento consiste nell’ammodernamento e nella sistemazione dei percorsi già esistenti e attualmente in stato di semi-abbandono.

“Stiamo intervenendo poi per rendere maggiormente sicuro l’attraversamento della pista polifunzionale nei pressi dell’Agriturismo Olimpo, sulla Mausonia: in quel tratto, è previsto il posizionamento di un dissuasore per far rallentare le automobili in transito e garantire la sicurezza di quanti usufruiscono della pista”. – dice a Il Capoluogo Ambra Micantonio, direttore tecnico della Appalti Ursini srl, ditta che da cinquanta anni lavora sul territorio aquilano e non solo.

 Un progetto interamente pensato non solo per rilanciare un percorso già esistente, ma anche nell’ottica di una valorizzazione ambientale: “A fine ottobre era pronto il bitume per fare il manto stradale: si tratta” spiega Micantonio “di un materiale nuovo, ad alta resa e basso impatto ambientale che la Bitem di Firenze sta iniziando a sperimentare anche in vista del suo utilizzo nelle grandi realtà metropolitane. E’ un materiale dal colore neutro, quindi scarsamente impattante a livello visivo, che non si surriscalda con le alte temperature e che dunque va a migliorare anche il microclima di aree intensamente urbanizzate”.
Un collegamento non solo tra Alto Aterno e Valle Subequana: nelle ambizioni future di questa pista c’è quella di collegare l’Adriatico al Tirreno, Pescara a Roma. Ci crede fermamente Pierpaolo Pietrucci, il consigliere regionale che nel giro di qualche mese e con la collaborazione del Comune dell’Aquila – capofila dei Comuni coinvolti – della Regione e dell’Università ha fatto sì che il progetto fosse pensato, sviluppato e finanziato: “non esito a definirlo epocale” disse nel corso della conferenza stampa dell’agosto scorso a Palazzo Fibbioni, nella quale si presentava la pista come “una grande prospettiva di turismo ecosostenibile e di mobilità alternativa per il nostro territorio”

X