IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

6 aprile, lutto cittadino

Lutto cittadino per l’intera giornata del 6 aprile 2017, bandiere listate a lutto e a mezz’asta sugli edifici pubblici delle Pubbliche Amministrazioni a L’Aquila e la chiusura, in segno di lutto e in memoria delle vittime del sisma, degli esercizi commerciali e dei locali pubblici dell’intero territorio comunale, dalle ore 9.30 alle ore 11,30 del 06 aprile 2017.

Lo dispone l’ordinanza firmata ieri dal sindaco dell’Aquila Massimo Cialente.

“Un invito particolare” si legge nell’ordinanza “è diretto ai Dirigenti scolastici, di ogni ordine e grado, affinché promuovano iniziative di riflessione, “ per non dimenticare”. La decisione di chiudere gli istituti scolastici è affidata ad ogni singolo circolo didattico.

Di seguito, il testo completo dell’ordinanza

I L S I N D A C O

Affinché la memoria tenga vivo il ricordo del 06.04.2009 e rigeneri nuova luce e speranza, ripropone e conferma la seguente ordinanza:

PREMESSO
che il territorio del Comune dell’Aquila, insieme a quello di altri centri della Provincia e della Regione Abruzzo, è stato colpito, in data 06.04.2009, da un terremoto di notevole magnitudo, causando la perdita di tante vite umane;

che l’Amministrazione comunale in ricordo dei tristi giorni del mese di aprile 2009 ha programmato una serie di manifestazioni, incontri ed eventi in memoria delle vittime causate dal sisma;

CONSIDERATO che il drammatico evento, ancora oggi, è vissuto con grande sofferenza da tutti gli aquilani, in un ricordo incancellabile di profonda e straordinaria emozione;

SENTITO il dovere profondo, interpretando il comune sentimento della nostra Comunità, di proclamare il lutto cittadino, in segno di rispetto e di perenne partecipazione al dolore delle tante famiglie colpite nei loro sentimenti più forti, con la perdita dei propri congiunti, anche al fine di promuovere iniziative di riflessione o di partecipazione collettiva;

RICHIAMATO il T.U. degli Enti Locali, D. Lgs. n.267/2000;

VISTO lo statuto del Comune e nello specifico l’art. 2 bis, laddove, è stato previsto per la giornata del 6 aprile di ciascun anno la proclamazione del lutto cittadino in perpetuo ricordo delle vittime e dei disastri provocati dal sisma del 6 aprile 2009;

ACCERTATA la propria competenza in merito;

D I S P O N E
• la proclamazione del LUTTO CITTADINO per l’intera giornata del 6 aprile 2017;
• l’esposizione a mezza asta e listate a lutto delle bandiere esposte sugli edifici pubblici delle PP.AA. presenti su territorio comunale;
• il divieto, nelle vie e nelle piazze in cui si svolgono le iniziative in ricordo, di tutte le attività che possano intralciare l’afflusso delle persone;
• il divieto delle attività ludiche e ricreative ed ogni altro comportamento che contrasti con il carattere luttuoso della ricorrenza o con il decoro urbano;
• la chiusura, in segno di lutto e in memoria delle vittime del sisma, degli esercizi commerciali e i locali pubblici dell’intero territorio comunale, dalle ore 9.30 alle ore 11,30 del 06.04.2017;

I N V I TA

tutti i cittadini e le organizzazioni sociali, culturali e produttive, le altre Pubbliche Amministrazioni a partecipare alle iniziative promosse dal Comune, nonché, ad esprimere, in forme decise autonomamente la partecipazione in ricordo delle vittime. Un invito particolare è diretto ai Dirigenti scolastici, di ogni ordine e grado, affinché, promuovano iniziative di riflessione, “ per non dimenticare “.

PARTECIPA

• la presente ordinanza, direttamente, a tutte le PP.AA. ,alle organizzazioni sociali, culturali e produttive presenti sul territorio comunale, nonché, a tutti i cittadini mediante le forme di informazione più rapide ed idonee in modo da renderli prontamente edotti, al fine di favorire la partecipazione – libera e spontanea – al ricordo dell’evento e delle vittime;
• per quanto di competenza, al Comando della polizia Municipale, che, presiederà agli eventi programmati in divisa di alta uniforme, scortando sui luoghi stessi il Gonfalone comunale.

 

 

X