IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Accoltella un connazionale, denunciato

I Carabinieri della Stazione di Paganica hanno denunciato per lesioni personali aggravate dall’uso di arma impropria e porto abusivo di coltello, il cittadino marocchino L.O., classe 91’, dimorante a L’Aquila da diversi anni.

I fatti risalgono alla notte del 12 marzo scorso, quando al Pronto Soccorso dell’ospedale San Salvatore di L’Aquila giungeva il cugino del giovane denunciato, al quale veniva diagnosticato un trauma contusivo al capo con una ferita da taglio sul viso, sopra l’occhio sinistro. Il malcapitato, subito dimesso dopo le cure del caso, nell’immediatezza non aveva richiesto alcun intervento delle forze dell’ordine, e la notizia era giunta ai carabinieri di Paganica solo grazie ai sanitari del nosocomio che avevano debitamente stilato apposito referto delle lesioni riscontrate. A questi il malcapitato, pur non negando di essere stato ferito con un’arma da taglio, non forniva ulteriori dettagli sulla vicenda.

A questo punto i militi, alle prime ore dell’alba, quando ormai era trascorsa già qualche ora dai fatti, raggiungevano immediatamente la vittima presso il suo domicilio, al fine di ricostruire nel dettaglio quanto accaduto e appurare le motivazioni e le dinamiche sottese ad un gesto così grave.

La vittima a questo punto si apriva completamente con i militari, sporgendo formale denuncia verso il cugino convivente, e raccontando nei particolari l’aggressione subita. Precisava infatti che  al culmine di una lite avvenuta all’interno del suo alloggio di Tempera, e dovuta alla restituzione della somma di euro 140 che la vittima doveva al cugino ma che al momento non era in grado di onorare, questi lo aggrediva con un coltello da cucina provocandogli la ferita al volto. La fuoriuscita del sangue e lo spavento che la situazione potesse ulteriormente degenerare, portavano infine la vittima a fuggire via e a raggiungere quanto prima il pronto soccorso.

La dovizia dei particolari emersi permetteva ai militari di rintracciare il giovane marocchino e la successiva perquisizione del suo alloggio permetteva di rinvenire, occultato all’ìnterno di un cuscino del divano letto dell’abitazione, il coltello da cucina utilizzato durante l’aggressione, il quale veniva subito sottoposto a sequestro.

Sempre i carabinieri di Paganica, agli ordini del Maresciallo Nunzio Gentile e coordinati dal Cap. Francesco Nacca, nel corso dei normali servizi di controllo del territorio, rintracciavano il cittadino aquilano P.N., di anni 71, traendolo in arresto in esecuzione di ordine di applicazione di pena detentiva di anni 1 e mesi 4 di reclusione, da scontare agli arresti domiciliari per il reato di calunnia.

La vicenda risale al marzo del 2007, quando il P.N. nel corso di un processo che lo vedeva imputato per sfruttamento della prostituzione, addito’ delle responsabilita’ penali nei confronti di una delle ragazze coinvolte negli avvenimenti, circostanza che nel corso del processo stesso invece si dimostrò non rispondente alla realta’.

X