IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

La sbarra che blocca il turismo

di Francesca Marchi

La Strada Provinciale 86 che da Assergi porta a Campotosto è chiusa dallo scorso 29 Gennaio.
L’abbondante nevicata di inizio anno e le successive slavine l’hanno resa impraticabile.
La neve non c’è più da giorni, ma gli arbusti e i sassi restano.

Ieri, a ridosso della sbarra che chiude il passaggio, è spuntato un cartello di protesta che bacchetta l’ente provinciale.
I disagi sono molti e il fattore sicurezza del tutto ignorato.
La strada è importante per il collegamento con Campotosto ed Amatrice. Chi esce dalla A24 percorre questa arteria che è stata fondamentale nei giorni successivi alle scosse del 18 Gennaio, quando l’autostrada è rimasta chiusa.

STRADA PROVINCIALE 86

LE RESPONSABILITA’: La palla dalla Provincia passa alla Commissione Valanghe, il problema ancora una volta è legato agli incastri delle competenze che non sono ancora del tutto chiari.
Non è la prima volta che la provinciale resta chiusa per lunghi periodi di tempo.

IL SANTUARIO DI WOJTYLA “IN OSTAGGIO”: Come da copione anche questa volta la Chiesetta intitolata a Giovanni Paolo II resta chiusa per via della strada impraticabile, ma non solo.
L’ultima volta che il Santuario ha aperto le porte a fedeli e turisti risale al 5 Gennaio, tanto che vi è ancora il presepe con le lucine accese.
Ci sono persone che vi arrivano a piedi, altre auto che fanno dietrofont davanti a una sbarra che manca di un cartello che ne spieghi la chiusura. Ieri sarebbe dovuta arrivare una comitiva dal Veneto: 50 turisti che avrebbero voluto fare tappa a Campo Imperatore, San pietro della Ienca e campotosto, ma alla fine hanno optato per un itinerario diverso.
Anche il silenzio della Curia e il mancato intervento, davanti al primo santuario al mondo dedicato al Papa Santo, non lasciano sperare in un rilancio del turismo, anche quello religioso tanto promosso e programmato.
Il 2 aprile prossimo, anniversario della morte di Wojtyla dovrebbero arrivare fedeli polacchi tenuti in sospeso in attesa di un ritorno alla normalità.

A Montecristo la situazione è la stessa: gli alberi trascinati sulla carreggiata della strada provinciale che da Fonte Cerreto porta a Montecristo, non sono ancora stati rimossi.

X