IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

70 famiglie ostaggio della Casa dello Studente

“Da quel terribile giorno (6 aprile 2009) ad oggi sono passati quasi 8 anni ormai.
La ricostruzione procede lentamente ma tante famiglie comunque sono tornate, stanno tornando, sono in procinto di tornare nelle loro case”- così Luca Rocci, consigliere Consiglio Territoriale di Partecipazione L’AQUILA CENTRO.
“Per tanti cittadini è stato, è e sarà così, ma non per le 70 famiglie che abitavano a via XX settembre n° 52.
Voi che leggete vi domanderete perché non possono rientrare, il perché ve lo dico: “CASA DELLO STUDENTE”.
Ebbene sì, uno dei simboli di quella tragica notte è il motivo per il quale oggi ben 70 famiglie aquilane, ben tre palazzine, sono impossibilitati a rientrare nelle proprie abitazioni poiché la “Casa dello Studente” risulta essere un pericolo per l’incolumità dei residenti e dei cittadini, anche a seguito dei recenti eventi sismici che ne hanno aggravato le condizioni strutturali.
Lo scorso 1 dicembre con una nota è stata sollecitata almeno la messa in sicurezza dell’edificio “Casa dello Studente” per consentire il rientro dei tanti nuclei familiari, la risposta è stata l’ordinanza di abbattimento dello stabile stesso (ordinanza del 31.01.17).
Dalla data dell’ordinanza di abbattimento della “Casa dello Studente” ad oggi è passato più di un mese ma ancora non si vede muovere una foglia.
Da notare come a queste 70 famiglie, che fremono dalla voglia di rientrare nelle proprie abitazioni, il comune ha rinnovato le forme assistenziali fino all’avvenuta demolizione e relativa rimozione delle macerie della stessa Casa dello Studente, che comporta quindi anche un costo per la collettività.
La burocrazia è comprensibile ma fino a un certo punto.
La soluzione è davanti agli occhi di tutti”.

X