Attentato

Attentato Berlino, dispersa una giovane di Sulmona

E’ di Sulmona l’italiana dispersa nell’attentato a Berlino. Si tratta di Fabrizia Di Lorenzo, 31 anni che vive e lavora nella capitale tedesca già da diversi anni.

Il suo cellulare è stato trovato sul luogo dell’attentato. Solo oggi, quando la giovane non si è recata al lavoro, è scattato l’allarme.

La madre e il fratello di Fabrizia Di Lorenzo sono partiti per Berlino per essere sottoposti all’esame del DNA. Solo dopo la comparazione del profilo genetico le sue condizioni potranno essere ufficializzate: la notizia è però data per certa. Anche il padre che lavora alle poste italiane è diretto verso Berlino: lo ha rivelato lui stesso ai colleghi che lavorano con lui nell’ufficio centrale di Piazza della Brigata Maiella andati a trovarlo a casa subito dopo la divulgazione della notizia.

“Abbiamo capito che era finita stanotte all’una e mezza: siamo stati noi a chiamare la Farnesina, ma l’aiuto più grande ce lo hanno dato i carabinieri di Sulmona.” dice, disperato. “Ci siamo mossi con i nostri canali, ma da quanto mi dice mio figlio da Berlino, non dovrebbero esserci più dubbi. È lì con mia moglie in attesa del dna, aspettiamo conferme, ma non mi illudo”.

Alla domanda se potesse confermare la notizia dell’Huffington Post di un’italiana dispersa a Berlino, Alfano ha risposto: “Ci sono accertamenti ancora in corso a Berlino. Abbiamo indicazioni che ci portano a non escludere in questo momento l’ipotesi che ci possa essere una vittima italiana”. Ma “attendiamo” le informazioni della magistratura tedesca sull’identità delle vittime.

leggi anche
fabrizia di lorenzo, vittima dell'attentato di berlino
Fabrizia di lorenzo
Berlino – Sulmona, attesa per la conferma del DNA
fabrizia di lorenzo
Lutto
Berlino, Fabrizia è morta
fabrizia di lorenzo
Attentato a berlino
Lutto cittadino a Sulmona
attentato berlino
Esclusiva
Berlino, aquilana salva per miracolo
La Fiera dell'Epifania in 30 scatti
Sicurezza
Fiera Epifania, barriere antiterrorismo
fabrizia di lorenzo
Terrorismo
Fabrizia per la Germania è una vittima della strada