IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Abruzzo, quarta regione per consumo di alcool

L’80 per cento degli uomini abruzzesi consuma alcool: un dato preoccupante che abbinato soprattutto a quello riguardante la provincia dell’Aquila (L’Aquila schiava dell’alcol) fa emergere la questione come una vera e propria emergenza sociale.

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha pubblicato oggi il Rapporto 2016 sul monitoraggio del rischio collegato all’alcolismo nelle regioni italiane. I dati, riferiti al 2014, mostrano come quasi l’80 per cento dei maschi abruzzesi consumi, saltuariamente o in modo abituale, bevande alcoliche.

Si tratta di un dato superiore a quello medio italiano (che è pari al 76.6 per cento) e della quarta percentuale più alta tra le regioni italiane, dopo Val d’Aosta, Friuli e Trentino-Alto Adige. Inoltre, quasi il 26 per cento dei bevitori abruzzesi di sesso maschile, più della media italiana, risulta a rischio secondo i parametri dell’ISS.

Analizzando le abitudini di consumo emerge, infine, il preoccupante fenomeno dei cosiddetti binge drinkers, i consumatori che bevono “per ubriacarsi”, spesso sintomatico di un precoce avvio all’alcolismo, in particolare tra giovani e adolescenti: si tratta del 13.1 per cento dei maschi (10 per cento la media italiana) e del 3.2 per cento delle donne (2.5 per cento il dato omologo).

Le cifre – che derivano da elaborazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di dati Istat tratti dall’indagine multiscopo sulle famiglie – avvicinano sorprendentemente, per questo aspetto, l’Abruzzo alle regioni del Nord Est, che si attestano su valori analoghi. Dall’analisi dei dati emerge inoltre che in alcune regioni dell’Italia meridionale e insulare, il fenomeno assume connotati da livello di guardia: ha sperimentato “l’abbuffata alcolica” quasi il 14.7 per cento della popolazione maschile in Basilicata, e il 18 per cento in Molise e Sardegna. Proprio nel corso del 2015 i Nas dei carabinieri hanno svolto intensi controlli sul territorio abruzzese, in particolare sul litorale e durante il periodo estivo, per contrastare il fenomeno della scarsa vigilanza sulla somministrazione di alcolici ai minorenni in locali pubblici ed esercizi commerciali.

In compenso, in Abruzzo è più modesta la percentuale relativa alle donne che hanno dichiarato di consumare, anche solo sporadicamente, bevande alcoliche: si tratta del 46 per cento, a fronte di una media nazionale che si attesta al 50 per cento circa.

X