IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Coder Dojo, corso di robotica dalla prima elementare

Non si tratta di un corso vero e proprio ma di una sorta di gioco che avvicina i bambini della prima elementare alla tecnologia.

La direzione didattica “Amiternum-Marconi”  dallo scorso novembre ha avviato una proficua collaborazione con la scuola Mariele Ventre di L’Aquila e il Dipartimento di Scienze Umane dell’ Univ. dell’Aquila per insegnare a oltre 90 bambini, dalla seconda elementare fino alla quinta, a scrivere programmi per computer.

Adesso il corso è strutturato anche per i bambini della prima elementare.

La combinazione è avvenuta grazie alla lungimiranza della dirigente, la Prof.ssa Carla Marotta, la passione di due insegnanti, Federica Lizzi e Rita Filipponi, e la collaborazione con Angelo Bernardi cultore della materia in informatica e matematica del Dip.Scienze Umane, che hanno voluto iniziare questo esperimento.

“Non è un corso dato che a questa età un argomento così complesso non può essere affrontato in maniera rigida, tutt’altro deve essere un gioco e come ogni gioco che si rispetti si vince qualcosa.In questo caso il premio è il videogioco che nelle due ore dedicate il sabato pomeriggio, ciascun bambino si è programmato da solo, o meglio, aiutandosi creando dei mini team spontanei con i compagni di banco”.

Questo metodo si chiama Coder Dojo, metodologia ben sperimentata all’estero e in Italia che porta il bambino a renderlo padrone e a convogliare la sua creatività in maniera proattiva verso uno strumento complesso che solitamente è una scatola nera per la maggior parte della popolazione.

“Se tra di loro ci sarà un Gates o uno Zuckenberg non lo sappiamo, ma stanno addentando voracemente le nozioni, uno spettacolo emozionante vederli risolvere in autonomia i problemi di ingegno che gli vengono proposti”.

FraMar

X