Daniela Stati nella giunta Di Pangrazio

L’ex assessore regionale Daniela Stati entra nella giunta Di Pangrazio al posto del dissidente/defenestrato Crescenzo Presutti.

Dopo la frattura politica durata qualche mese, si rinsalda l’asse Ezio Stati/fratelli Di Pangrazio in previsione delle prossime elezioni amministrative, previste a maggio 2017.

«Con l’ingresso della Stati – ha commentato il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio – entra una donna che ha un forte desiderio di dimostrare alla città impegno e dedizione».

Al nuovo assessore sono state attribuite le deleghe alla viabilità, ai trasporti, all’arredo urbano, alla protezione civile, ai rapporti con gli enti pubblici, fiere e pubbliche affissioni.

«C’è bisogno di spirito di collaborazione – ha dichiarato Daniela Stati, ex assessore regionale alla Protezione civile nella giunta di centro destra di Gianni Chiodi – umiltà, unione, forza ed incisività amministrative senza protagonismi, e sono pronta a dare il massimo per proseguire l’ottimo lavoro svolto fin ora dall’amministrazione Di Pangrazio. Mi occuperò di settori nevralgici per la Città, é per questo che da subito con dirigenti e tecnici faremo riunioni per analizzare la situazione allo stato attuale, garantendo la massima ed efficiente continuità».

Rimpasto di deleghe anche per gli altri componenti dell’esecutivo:

Al Sindaco – edilizia scolastica; avvocatura ed affari legali; Tutela della salute, igiene, sanità e rapporti con gli enti di programmazione e gestione dei servizi sanitari; Politiche giovanili, creatività, innovazione; Promozione e organizzazione grandi eventi; Contratto di quartiere; Pari opportunità.

Al vicesindaco Ferdinando Boccia – le politiche del bilancio, le partecipate, i cimiteri, il Servizio elettorale e la Riserva Naturale del Salviano.

All’assessore Alessandra Cerone – le Politiche del lavoro, il personale, i servizi demografici, i servizi generali e le politiche agricole.

Ad Antonio Di Fabio – i lavori pubblici (esclusa edilizia scolastica), alla pianificazione del territorio, ai progetti strategici e al marketing territoriale.

A Roberto Verdecchia – le politiche ambientali, mantenendo attività produttive e mercati.

A Fabrizio Amatilli –  il welfare, la coesione territoriale, l’Università, la cultura e lo sport.

A Luca Angelini – le deleghe al patrimonio comunale, alle farmacie, alla polizia locale, ai servizi generali, alla tutela degli animali e al decentramento.