IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

La strada ‘Cintarella’ non sarà messa in sicurezza

La messa in sicurezza della strada “Cintarella”, nella piana del Fucino all’altezza di Telespazio, è rimasta fuori dal finanziamento ministeriale, ma D’Alfonso assicura che «verrà comunque finanziata con fondi dello Stato e della Regione». Il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso ha promesso una soluzione alternativa, dopo la pubblicazione del provvedimento dell’ex ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi, che, con decreto, ha dato il via libera al finanziamento di 3 dei 4 interventi richiesti dalla Regione Abruzzo escludendo la strada killer della Marsica.

A rimanere «inspiegabilmente» fuori dal canale di finanziamento ministeriale, infatti, è stato proprio il progetto di messa in sicurezza della strada marsicana, importante via di collegamento per i lavoratori che operano nel centro di Telespazio.

Solo qualche mese fa un incidente mortale di un impiegato di Telespazio ha fatto riemergere il problema della mancata sicurezza della strada. In quell’occasione, il presidente della Giunta regionale aveva garantito un apporto finanziario di 800 mila euro per finanziare i lavori.

Nella richiesta inviata al Provveditorato alle Opere pubbliche il presidente D’Alfonso aveva indicato una rosa di 4 progetti da finanziare: movimento franoso nel comune di Villa Celiera (1,5 milioni), erosione in località Largo Dragoni a Torino di Sangro (1 milione), strada di collegamento Valle Castellana-Ascoli (800 mila) e messa in sicurezza della strada denominata “Cintarella” (800 mila).

Le richieste del presidente D’Alfonso erano state fatte proprie dal Provveditore della Opere pubbliche che a sua volta aveva girato l’elenco al ministero che poteva far riferimento ai 50 milioni di euro messi a disposizione dallo Sblocca Italia per il dissesto idrogeologico. Ed invece nel decreto ministeriale dall’elenco delle priorità indicate dalla Regione viene «inspiegabilmente depennato il progetto della Cintarella per far posto ad un progetto di manutenzione e sistemazione idraulica nella provincia di Ogliastra». Confermati invece i finanziamenti per gli altri tre progetti indicati dal presidente D’Alfonso al Provveditorato.

«Questo non cambia all’atteggiamento della Regione – ha assicurato il presidente Luciano D’Alfonso – perché la strada della Cintarella sarà inserita in un altro canale di finanziamento, al riparo di sorprese dell’ultima ora».

[url”Torna alla Home Targato Az”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X