IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Dalle macerie alla laurea, storia di uno studente

Il 6 aprile 2009 dormiva tranquillamente dentro la camera numero 309, al terzo piano dell’ala nord della Casa dello Studente, che in occasione del sisma, alle ore 3.32, collassò, cagionando la morte dei suoi otti amici Hussein Hamade detto Michelone, Alessio, Angela, Davide, Francesco, Marco, Luca e Luciano e il ferimento di tanti altri. Siamo a L’Aquila, nella martoriata via XX Settembre. Fu portato in salvo miracolosamente dall’ala crollata dai vigili del fuoco, insieme agli altri studenti. Ieri Hisham Shahin, ventisettenne studente israeliano di Haifa, si è brillantemente laureato all’Università dell’Aquila, Dipartimento di Medicina, Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi dentaria, discutendo la tesi in Endodonzia “[i]Otturazione tridimensionale dei canali radicolari: innovazione delle tecniche e dei materiali[/i]”.

Hisham ha dovuto superare tante difficoltà. Con determinazione è restato all’Aquila e ha continuato, nonostante la sofferenza, a frequentare le lezioni universitarie. Nel contempo, rappresentato e difeso dall’avvocato Wania Della Vigna del foro di Teramo, ha offerto il suo importante contributo testimoniale nei vari processi post sisma, per la ricostruzione dei fatti, soprattutto per assicurare verità e giustizia per tutte le vittime.

Hisham è anche parte civile nel processo per il crollo della Casa dello Studente, che in primo grado si è concluso con la condanna di quattro imputati, il cui appello è previsto per il 22 aprile 2015.

X