IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Di Pangrazio relatore a Montecitorio

[i]“La prospettiva nazionale tra Regioni e Unione europea”[/i] è il titolo della relazione svolta dal Presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio nell’ambito del convegno di presentazione del Rapporto 2014 sulla legislazione tra Stato, Regioni e Unione europea, che si è svolta ieri a Roma, a Palazzo Montecitorio alla presenza del Ministro Maria Elena Boschi e del Vicepresidente della Camera Luigi Di Maio.

Di Pangrazio ha proposto una riflessione sullo stato dell’arte della partecipazione delle Regioni ai processi europei, rilevando i passi avanti compiuti nel 2014 e nei primi mesi di quest’anno nelle relazioni tra la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative regionali e la 14° Commissione del Senato della Repubblica, competente per le politiche europee.

L’auspicio, sottolineato dal Presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, riguarda la realizzazione di un’azione coordinata nei processi di partecipazione alla formazione del diritto europeo e concentrata sulle iniziative europee destinate ad avere un forte impatto sulle comunità regionali. Nell’ottica di un rafforzamento del ruolo dei Consigli regionali, ha, inoltre, posto l’accento sul significativo incremento della presenza dei loro Presidenti in seno al Comitato delle Regioni (1).

Di Pangrazio ha concluso il proprio intervento con alcune considerazioni in merito ai possibili riflessi della Riforma costituzionale sull’assetto delle competenze statali e regionali riguardo ai processi europei. Fra gli aspetti trattati, il Rapporto evidenzia che la maggior parte delle leggi promulgate dalle Regioni è di iniziativa dell’esecutivo. Su 711 leggi emanate, 386, pari al 54,3%, sono di iniziativa della Giunta e 290, pari al 40,8%, sono di iniziativa del Consiglio. Il rapporto considera separatamente Regioni ordinarie e speciali: rispettivamente, 52,8% e 59,6% delle leggi risultano di iniziativa dell’esecutivo, 41,6% e 37,8% sono di iniziativa dell’Assemblea legislativa.

Naturalmente, anche per questo dato non mancano differenze tra le Regioni. Nel 2013, il Trentino-Alto Adige (con il 100%), la Basilicata (con il 95,2%), la Valle d’Aosta (con il 95,2%) e la Liguria (con l’84%) sono le Regioni dove maggiore è l’incidenza delle leggi di iniziativa della Giunta; la Calabria (con il 77,6%), l’Abruzzo (con il 75,0%) e la Sardegna (con il 74,4%), sono gli enti nei quali più alta è l’incidenza delle leggi di iniziativa assembleare.

«Nel panorama delle Regioni italiane, l’Assemblea regionale abruzzese si sta distinguendo in questi ultimi anni non solo per la riduzione della produzione legislativa ma anche per il tema del ‘disboscamento’ volto a ripulire l’ ordinamento da normativa ormai desueta e inutile. Si tratta di un segnale importante sul quale intendiamo continuare a lavorare con l’obiettivo di puntare ad elevare sempre più la qualità della produzione». Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, a margine del convegno svoltosi a Montecitorio.

X