IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Regione, Prima Commissione disertata

«Quanto accaduto oggi in Prima Commissione è un film già visto e rappresenta al meglio l’immagine che la maggioranza di centrosinistra che governa la regione sta dando a tutti gli abruzzesi».

E’ quanto dichiara il presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo che aggiunge: «Un’immagine sconcertante. Alle 14:30 era convocata la Prima Commissione “Bilancio, Affari generali e istituzionali”, che tra l’altro all’ordine del giorno ha importanti provvedimenti riguardanti l’edilizia residenziale pubblica, ma alle ore 15:00 l’aula era vuota: nessun rappresentante della maggioranza presente ad eccezione di Alessio Monaco oltre naturalmente al sottoscritto e al Consigliere Pettinari.

E’ l’ennesimo episodio di “menefreghismo” e approssimazione che non può essere taciuto».

PETTINARI: «ASSENZE INGIUSTIFICATE DI FRONTE AI CITTADINI» – «Ancora una volta la maggioranza di centrosinistra ha dimostrato scarsa attenzione a questioni fondamentali per i cittadini abruzzesi». Lo rileva il Consigliere regionale del M5S Domenico Pettinari. «Oggi pomeriggio in Commissione Bilancio – spiega Pettinari – erano in discussione i due progetti di legge di riforma delle Ater regionali: quello dell’Assessore regionale Donato Di Matteo e quello presentato dal nostro Gruppo consiliare. La riunione, convocata per le 14.30, è iniziata già con 40 minuti di ritardo per le assenze nella maggioranza, che era rappresentata solo dal Consigliere Alessio Monaco. Successivamente qualche esponente è arrivato, ma al termine delle audizioni in programma, è andato via nuovamente, facendo mancare il numero legale proprio nel momento dell’avvio dell’esame delle proposte legislative, costringendo il Presidente Maurizio Di Nicola a sciogliere la seduta e a riconvocarci in data da destinarsi. Ritengo si tratti di un atteggiamento grave e poco rispettoso delle istituzioni, anche perché in gioco c’è una riforma fondamentale per questa Regione, che non può più essere rinviata».

X