IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Consiglio comunale, «I nodi vengono al pettine»

«Abbiamo tenuto stamani una conferenza stampa sul fatto che più provvedimenti, in meno di 24 ore, sono stati sottoposti alle commissioni consiliari e al Consiglio comunale. Un vero blitz per nascondere le inefficienze di gestione dell’amministrazione comunale». Questo il pensiero comune dei consiglieri comunali

Guido Liris, Roberto Tinari (Forza Italia), Giorgio De Matteis, Emanuele Imprudente (L’Aquila Città Aperta), Luigi D’Eramo, Vito Colonna (Prospettiva 2022), Raffaele Daniele (Udc), Alessandro Piccinini (Ncd), Daniele Ferella, Pierluigi Properzi (DomaniL’Aquila).

«In primo luogo – scrivono in una nota divulgata – la reintroduzione, di fatto, delle circoscrizioni, è frutto di un metodo, voluto dalla sinistra, per imporre uomini scelti discrezionalmente dal sindaco a presiedere della assemblee territoriali che avranno potere consultivo su delibere di Giunta e di Consiglio, oltre a un potere di proposta di iniziative da sottoporre agli organi amministrativi. Quello che poteva essere uno strumento di partecipazione è diventato, così, solo un espediente per dare il contentino a chi, nell’ambito della maggioranza di Cialente, non ha potuto godere di prebende politiche o amministrative.Altro argomento è l’aumento dei canoni di locazione e l’introduzione della nuova tassa condominiale per chi è domiciliato nei complessi abitativi Case e Map».

«Provvedimenti dirompenti, per i cittadini, non discussi né concordati adeguatamente con gli organi consiliari e con i comitati cittadini, che da anni seguono le problematiche dei quartieri Case. Sull’argomento non sono state seguite, inoltre, le normative elementari del codice civile, né le normative europee sulla suddivisione dei costi in base al piano di abitazione, ai “millesimi” dell’abitazione in cui si è domiciliati, all’utilizzo o meno dell’ascensore, alla fruizione dell’energia elettrica per spazi aperti o chiusi».

«Altro punto è quello relativo alle cosiddette aree bianche, provvedimento che darà inizio ad una serie interminabile di ricorsi in sede giudiziaria.

La minoranza di centrodestra in consiglio comunale, in maniera compatta ed unitaria, ha espresso pertanto, in modo chiaro e forte, il proprio dissenso nei confronti della conduzione incosciente, da parte della maggioranza, rispetto a materie centrali per la vita dei cittadini aquilani», così concludono i consiglieri.

X