IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Giornate Fai di Primavera in Abruzzo

di Claudia Giannone

Tornano le Giornate Fai di Primavera. Il 21 e 22 marzo anche le piccole bellezze, in parte dimenticate, della città dell’Aquila torneranno a brillare, grazie alla guida dei “Ciceroni”, rappresentanti dai ragazzi inclusi nel progetto “Fai-Scuola”.

Quattro gli istituti aderenti: il liceo artistico, il liceo musicale, l’Ipsiasar e l’Itis indirizzo Turistico. Con lezioni frontali e sul posto, i ragazzi sono ora pronti per accompagnare i visitatori nel loro tour dedicato alla cultura: il Musicale sarà coinvolto in una doppia veste, dato che allieterà i presenti con diversi concerti. Lo scopo è quello di sensibilizzare i giovani all’amore per il territorio, al rispetto per i monumenti e per le bellezze che si trovano all’interno della città: gioielli da riscoprire, senza dover uscire dai confini della regione.

«La formazione degli studenti – ha affermato Linda Ciammola – deve portare alla valorizzazione e alla conoscenza del patrimonio, per poter formare oggi dei ‘Ciceroni’, domani dei cittadini. Far conoscere ai ragazzi un pezzo della loro città significa ricostruire, o costruire, una memoria, per far comprendere loro che ci sono dei beni immateriali da conoscere e apprezzare».

Ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione anche l’assessore Betty Leone, entusiasta dell’iniziativa e del momento di riscoperta che vivrà il capoluogo. «Si tratta di un’iniziativa molto importante – ha sottolineato – bisogna affermare che un territorio ferito come il nostro può avere grandi scoperte. Tutto può rinascere: queste rinascite appartengono a noi e al territorio stesso. Riscoprire le ricchezze di un territorio in un momento in cui sembrerebbe più facile ricostruire il noto ci dà un grande slancio».

Castelvecchio Subequo e Barisciano compresi nel progetto e rappresentati dai sindaci: siti ricchi di archeologia e di siti di carattere artistico-culturale da far scoprire a tutti coloro che vorranno immergersi in un’aria di conoscenza. «Il sisma – ha concluso Francesco Di Paolo, sindaco di Barisciano – ha reso inagibile la maggior parte degli edifici di culto. Ora dobbiamo cogliere le conseguenze per ritrovare le nostre origini e la nostra storia, togliendo tutto ciò che ha rovinato la nostra architettura».

X