IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sclerosi multipla, giovani a confronto a L’Aquila

Un evento di informazione e confronto interamente dedicato ai giovani con Sm. L’iniziativa si chiama “Intimità: conoscenza di sé” ed è in programma il 20 marzo a partire dalle 18.15 presso La Cartiera del Vetojo. Interverrà la dottoressa Cinzia Raparelli.

I temi chiave del convegno, individuati direttamente dai giovani con Sm, coprono tutti gli ambiti della vita quotidiana a contatto con la patologia. Malattia grave del sistema nervoso centrale, la sclerosi multipla colpisce principalmente i giovani e le donne. In Italia sono oltre 65.000 le persone colpite da questa patologia. Cronica, imprevedibile, spesso invalidante, la sclerosi multipla viene diagnosticata per lo più tra i 20 e i 40 anni.

Vivere con la Sm è una prova impegnativa che i giovani possono e devono vincere per riuscire ad

essere sempre protagonisti della propria vita. Con il convegno “Intimità: conoscenza di sé” l’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) è al fianco di tutti i giovani. Gli incontri sul territorio, come quello che si svolgerà a L’Aquila, oltre a fornire informazioni e aggiornamenti sulla sclerosi multipla, offrono la possibilità di confrontarsi direttamente con operatori qualificati ed esperti.

Aism, attiva sul territorio al fianco delle persone con Sm e

dei loro familiari, vuole informare i giovani sulla malattia, dare loro gli strumenti per affrontare la

vita e viverla pienamente con la sclerosi multipla. Ai giovani Aism ha dedicato il blog “Giovani

oltre la Sm”, www.giovanioltrelasm.it, attraverso cui alcuni giovani blogger si raccontano, coinvolgendo molti altri ragazzi in tutta Italia.

L’Associazione italiana sclerosi multipla, insieme con la sua Fondazione, è l’unica organizzazione in Italia che interviene a 360 gradi sulla sclerosi multipla per promuovere, indirizzare e finanziare la ricerca scientifica, promuovere ed erogare servizi sanitari e sociali nazionali e locali, rappresentare e affermare i diritti dei 65 mila italiani colpiti dalla malattia affinché siano pienamente partecipi e autonomi.

{{*ExtraImg_236314_ArtImgCenter_500x707_}}

X