IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

6 Nazioni: Italia sconfitta dalla Francia

di Marcello Spimpolo

Una piccola Francia sbanca l’Olimpico battendo un’ancor più piccola Italia.

Questa la sintesi della partita di oggi del 6 Nazioni 2015.

Solo questa Italia senza idee e senza grinta poteva far grande, almeno nel punteggio, la squadra di Saint-Andrè.

Il Signor Brunel dovrebbe spiegarci qual era il piano di gioco che gli Azzurri avrebbero dovuto mettere in campo per vincere questa partita, perché onestamente non l’abbiamo capito.

Oggi all’Olimpico, da parte Azzurra, “abbiamo visto cose che voi umani…” , citando Blade Runner…

Abbiamo visto estremi ed aperture non calciare mai in touche ma fare solo up & under in bocca agli avversari, abbiamo visto, complice un infortunio allo sfigatissimo Allan, ancora in campo Luciano Orquera che una volta si diceva “almeno mette i calci” adesso neanche quello, lo abbiamo visto non prendere neanche una touche su calci di liberazione, ma in compenso lo abbiamo visto passare più di una volta “palla e uomo” al povero Masi che ha preso botte anche per lui.

E visto che non lo faceva chi in genere è deputato a farlo, abbiamo visto seconde e terze linee cercare improbabili calci di liberazione, per la gioia di Spedding.

Abbiamo visto una partita di rugby rimanere per mezz’ora sullo 0-0 grazie agli errori dalla piazzola per poi sbloccarsi, sempre dalla piazzola lato francese, e per vedere una meta abbiamo dovuto aspettare il secondo tempo.

Abbiamo visto errori di lancio in touche dentro i 22 avversari ed una mischia spesso in sofferenza, come non lo vedevamo ormai da tempo.

Insomma abbiamo rivisto la “vecchia” Italia, quella che si adegua ai bassi ritmi degli avversari non imponendo il proprio, di ritmo, ammesso che ne abbia uno.

Non ci siamo, proprio non ci siamo, ogni volta che si deve fare il salto di qualità non riusciamo a dare continuità a gioco e risultati e si torna due passi indietro.

Per fortuna già sabato c’ è la possibilità di dimostrare che quella di oggi é stata solo la brutta copia di quello che l’Italia può essere, e bisogna farlo anche perché il Galles che ci farà visita verrà per giocarsi la vittoria del 6 Nazioni ed è di tutt’altra pasta rispetto a questa “petite France”.

Ultima nota negativa della giornata.

Concedeteci di stigmatizzare l’atteggiamento del pubblico dell’Olimpico: oggi proprio non ci sono piaciute le bordate di fischi contro i calciatori francesi, nonostante le raccomandazioni dello speaker, ed i coretti “chi non salta….” di calcistica derivazione.

I tifosi blues hanno dimostrato cosa significa essere dei supporters di rugby, da brividi “la Marsigliese” che ha fatto tremare lo Stadio Olimpico negli ultimi tre minuti di partita.

Chapeau.

Roma, Stadio Olimpico – domenica 15 marzo

RBS 6 Nazioni, IV giornata

Italia v Francia 0-29

Marcatori: p.t. 29’ cp. Lopez (0-3), 34’ cp. Lopez (0-6), 40’ cp. Spedding (0-9); s.t. 41’ cp. Plisson (0-12), 45’ m. Maestri (0-17), tr. Plisson (0-19), cp. 57’ Plisson (0-22), 80’ m. Bastareaud (0-27), tr. Plisson (0-29)

Italia: McLean; Sarto, Morisi (37’ Bacchin), Masi, Venditti; Allan (13’ Orquera), Gori (72’ Plazzani); Parisse (cap) (74’ Barbini), Vunisa, Minto; Furno, Biagi (50’ Geldenhuys); Chistolini (50’ Cittadini), Ghiraldini (58’ Manici), Aguero (32’ De Marchi)

all. Brunel

Francia: Spedding; Huget, Fickou (69’ Bastareaud), Mermoz, Naikaitaci; Lopez (40’ Lopez), Tillous-Borde (63’ Kockott); Goujon (73’ Chouly), Le Roux, Dusatoir (cap); Maestri (63’ Taofifenua), Flanquart; Mas (50’ Slimani), Guirado (52’ Kayser), Ben Arous (58’ Debaty)

all. Saint-André

arb. Doyle (RFU)

Man of the match: Dusautoir (Francia)

Note: giornata piovosa, terreno in buone condizioni.

Calciatori: Allan (Italia) 0/1; Orquera (Italia) 0/1; Spedding (Francia) 1/2; Lopez (Francia) 2/2; Plisson 4/4.

X