IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Nuove frane in Abruzzo, in 65 mila senza acqua

Sono circa 65 mila, tra le province di Pescara e Teramo, le persone rimaste senza acqua corrente a causa di numerose frane che stanno danneggiando le condotte idriche, in seguito al maltempo dei giorni scorsi.

I movimenti franosi in molti casi stanno rendendo vani gli sforzi dei tecnici dell’Azienda comprensoriale acquedotti (Aca): non si fa in tempo a concludere un intervento che nuove rotture si registrano su altri tratti delle condotte.

In particolare, nel caso della rottura dell’adduttrice Tavo Nord, a Castiglione Messer Raimondo (Teramo), i tecnici stavano per concludere l’intervento quando il terreno ha ripreso a muoversi, danneggiando ulteriormente la tubatura.

Domani, fanno sapere dall’Aca, arriverà un giunto scorrevole fatto preparare ad hoc e, se tutto andrà per il meglio, i cittadini avranno di nuovo l’acqua dalla tarda serata.

Circa 30mila gli utenti interessati dai disservizi nei comuni di Città Sant’Angelo, Elice (Pescara), Atri e Castilenti (Teramo). Il sindaco di Città Sant’Angelo, Gabriele Florindi, ha chiuso le scuole del centro storico.

Nel caso dell’adduttrice Tavo Sud, a Farindola (Pescara), si è verificata la terza frana nel giro di 24 ore: dopo l’intervento di ieri, ne era stato chiuso un secondo in mattinata ed erano iniziate le manovre di reimmissione dell’acqua, ma la condotta ha ceduto di nuovo e l’erogazione è stata nuovamente sospesa. L’intervento riprenderà domattina e anche in questo caso i cittadini torneranno ad avere l’acqua dalla serata.

Circa 35mila gli utenti coinvolti nei comuni di Farindola, Penne, Collecorvino, Picciano, Loreto Aprutino, Pianella, Cappelle sul Tavo, Spoltore (frazioni Caprara, Santa Maria e centro storico), Montesilvano (zone collinari alte) e Moscufo, tutti in provincia di Pescara.

X