IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Salvare Gruppo Edimo: famiglia Taddei impegnata giorno e notte

«La famiglia Taddei e tutta la dirigenza sono impegnate giorno e notte a salvaguardare il futuro occupazionale e produttivo del Gruppo, evitando che quanto accaduto possa causare conseguenze ancora più drammatiche».

Lo afferma in una nota, Carlo Taddei, patron del gruppo Edimo dell’Aquila, specializzato nelle grandi realizzazioni industriali, in merito alla vicenda del fallimento di una delle società del gruppo, la Edimo Spa. La società per azioni è stata dichiarata fallita il 19 febbraio scorso dal tribunale di Roma.

«Il pensiero va ai dipendenti, ai fornitori e ai committenti che, da sempre, ci sono vicini. Tanto che il rapporto, fin dal 1969, non è mai stato di dipendenza, ma di fratellanza», spiega Taddei.

«Anche se non riusciamo ancora a capacitarci di un epilogo tanto inatteso quanto funesto, per il quale stiamo facendo verifiche interne per stabilire la causa e quando ci saranno i risultati ci pronunceremo – prosegue Taddei nella nota – il nostro obiettivo, che perseguiremo con tutte le nostre forze, è uscire prima possibile da questa situazione drammatica che, rimarchiamo con chiarezza e fermezza, non è dipesa dalla nostra volontà. Visto che siamo da anni in prima linea per superare gli ostacoli generati da una crisi europea e locale senza precedenti».

In tal senso, l’imprenditore sottolinea il fatto che «per contrastare il periodo difficile, da tempo abbiamo promosso un’ azione di ristrutturazione fatta di tagli e tanti sacrifici da parte di tutti. Il nostro programma, tuttavia, prevedeva una ripresa nel prossimo autunno con il conseguente inizio del rientro delle esposizioni – anticipa – vogliamo dare seguito alle attività per salvaguardare posti di lavoro e quindi famiglie».

«Lunedì scorso abbiamo spiegato la nostra strategia e illustrato le problematiche ai dipendenti e ai sindacati, comunque il nostro auspicio è di riprendere l’attività prima possibile. Eventuali osservazioni e critiche che vengono da persone incompetenti le consideriamo errate e superficiali, dal momento che non sono avvalorate da quanto accaduto», aggiunge ancora.

«In riferimento agli sviluppi, sarà nostra cura e impegno, nei giorni a venire, tenere aggiornati dipendenti, fornitori e l’opinione pubblica sulle scelte e le decisioni che si andranno ad adottare per voltare pagina – conclude Carlo Taddei – vogliamo uscire assolutamente da questa situazione per dare risposte nel minore tempo possibile ai dipendenti, all’indotto e alla città intera».

X