Multe piazza Chiarino: «Nessun raid punitivo»

Il sindacato di Polizia municipale Diccap-Sulpm L'Aquila esprime alcune considerazioni e precisazioni in merito alla «notizia apparsa sugli organi di stampa su un presunto raid punitivo correlato da sanzioni al Codice della strada» in piazza Chiarino, nel cuore del centro storico del capoluogo abruzzese.

«C'è da precisare - spiegano i portavoce del sindacato - che l'intervento in questione è stato richiesto, in forma scritta tramite esposti oltre che in forma orale, da residenti della zona esasperati da problematiche inerenti la sosta irregolare sulla piazza.

Giova informare che gli operatori intervenuti in loco hanno ricevuto gli apprezzamenti e i ringraziamenti sia degli esercenti che dei residenti, i quali hanno ritenuto di elogiare l'operato del Corpo in tema di ripristino della legalità. Sarebbe però opportuno che gli organi di stampa, per completezza di informazione, interpellino, al momento dell'acquisizione della notizia e per completezza di informazione, l'ufficio di appartenenza degli operatori impegnati sul territorio».

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

«Come rituale - si legge ancora nella nota del sindacato - questa organizzazione è portata a stigmatizzare, oltre l'assenza di qualsivoglia puntualizzazione da parte dell'amministrazione, una tendenza di pensiero diffusa tendente ad intravedere la polizia municipale come un mero organo punitivo e non come un Corpo che si prodiga per la legalità e il vivere civile».

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});