Quantcast

Polizia scopre giro di prostituzione ‘low cost’

Più informazioni su

Un centralino a Venezia, tre appartamenti a Pescara e Montesilvano (Pescara), annunci sui giornali locali con immagini inequivocabili e offerta di massaggi: un presunto giro di sfruttamento della prostituzione ritenuto gestito da cinesi è stato scoperto dalla Squadra Mobile di Pescara in collaborazione con i colleghi di Venezia, Prato, Rimini e Padova.

Fondamentali le rivelazioni di una delle giovani prostitute che, con l'aiuto della Polizia, si è affrancata dal giogo dei suoi aguzzini.

Il Gip del Tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, su richiesta del pm che ha diretto le indagini, Salvatore Campochiaro, ha emesso ordinanze di custodia cautelare in carcere per tre uomini e tre donne, tutti di nazionalità cinese e con regolare permesso di soggiorno.

Grazie a un anno di appostamenti, pedinamenti e intercettazioni è emerso come «il mercato del sesso "low cost" sia in mano ai cinesi».

Le ragazze, chiamate "operaie", secondo quanto ricostruito dagli investigatori, in molti casi non sapevano una parola di italiano, erano costrette a soddisfare ogni richiesta dei clienti e si proponevano a prezzi "concorrenziali", a partire da 30 euro.

Nei tre appartamenti, dove le ragazze ricevevano i clienti, sempre secondo gli investigatori, di tanto in tanto il presunto capo dell'organizzazione - una donna - o i suoi emissari si recavano per rifornirle di cibo e del necessario per vivere e lavorare, preservativi compresi, ma soprattutto per riscuotere i loro proventi.

Nel corso delle indagini sono stati accertati ingenti trasferimenti di denaro in Cina attraverso operatori finanziari.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

L'operazione della Squadra Mobile di Pescara è ancora in corso: tre delle sei ordinanze di custodia cautelare devono ancora essere eseguite.

Il presunto capo dell'organizzazione, una donna di 49 anni domiciliata a Venezia, ieri sera stava giocando al Casinò, ma è riuscita a fuggire qualche minuto prima dell'arrivo dei poliziotti. Gli arresti sono stati eseguiti a Prato, in provincia di Padova e a Venezia.

«Oltre alle tre case scoperte nel Pescarese - ha spiegato il capo della Squadra Mobile - sappiamo che l'organizzazione ne gestiva altre due, una a Roma e un'altra a Brindisi. Ma potrebbero essercene altre».

In conferenza stampa gli agenti hanno fatto sapere di aver ascoltato anche una decina di clienti, italiani fra i 20 e i 60 anni, e i proprietari delle case, ignari di quello che accadeva nelle abitazioni affittate; tutti hanno fornito validi elementi agli investigatori.

I tre appartamenti erano in via Spaventa a Montesilvano (Pescara) e a Pescara in pieno centro, in piazza Primo Maggio e corso Vittorio Emanuele.

Il giro d'affari, secondo gli investigatori, superava i 90mila euro al mese.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Più informazioni su