Incentivi ai giovani: occupazione e prime case

Grazie al Fondo Garanzia Prima Casa, risultato di una convenzione tra il Dipartimento del Tesoro e ABI (Associazione Bancaria Italiana), verranno stanziati incentivi, nella misura massima del 50% della quota capitale di mutui ipotecari, di ammontare non superiore a 250 mila euro, per l’acquisto, o l’acquisto con interventi di ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica, di immobili, non di lusso, da adibire ad abitazione principale del mutuatario.

«Il Fondo – spiega Gianfranco Reale, segretario regionale Filca-Cisl Abruzzo e Molise - con una dotazione finanziaria di circa 650 mln di euro, che potranno attivare circa 20 miliardi di euro di nuovi finanziamenti, rappresenta un importante strumento di accesso al credito per la casa a favore dei cittadini, oltre che un immediato impulso alla crescita attraverso il rilancio del settore immobiliare, anche sotto il profilo dell’efficienza energetica».

Il Fondo di Garanzia è messo a disposizione delle giovani coppie nelle quali almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni; nuclei familiari monogenitoriali con figli minori; giovani di età inferiore ai trentacinque anni titolari di un rapporto di lavoro atipico; o conduttori di alloggi di proprietà degli IACP, comunque denominati. Tutti coloro che vorranno accedere al Fondo dovranno presentare le domande direttamente alla banca/intermediario finanziario cui si richiede il mutuo ipotecario, utilizzando la modulistica che sarà resa disponibile sul sito del Dipartimento del Tesoro, sul sito della Consap e sui siti di tutte le banche/intermediari finanziari aderenti.

Gli elenchi delle banche presso le quali sarà possibile richiedere le garanzie statali sono disponibili sul sito della Consap, oltre che sul sito dell’ABI. «Per ulteriori informazioni al Fondo di Garanzia per la Casa – dice ancora il segretario – è possibile rivolgersi presso le sedi sindacali Filca-Cisl di Chieti».

Buone notizie anche per l’occupazione giovanile, grazie agli oltre 31 mln di euro, assegnati alla Regione Abruzzo, dal Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani. «Oltre la metà dei fondi – spiega ancora Reale - dovrà essere destinata al finanziamento delle misure per l'auto imprenditorialità e per i tirocini extracurriculari, per dare nuove opportunità ai tanti giovani che hanno idee imprenditoriali valide, che hanno bisogno di un sostegno economico e cercano esperienze professionalizzanti per inserirsi nel mondo del lavoro».

Secondo quanto stabilito in una convenzione tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione le misure riguardano: accoglienza, presa in carico e orientamento formazione professionale; bonus occupazionali; incentivi per l'apprendistato; servizio civile e mobilità transnazionale, così da consentire ai giovani di sviluppare competenze trasversali spendibili successivamente nel mercato del lavoro.

[url"Torna alla Home Targatoaz.it"]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});