Quantcast

L’Aquila, politici e polemiche

«Se avessimo saputo prima che contraddistinguersi dall'ex consigliere regionale De Matteis avesse sortito così tante chiamate di condivisione da molti esponenti politici aquilani sopratutto di centrodestra saremmo intervenuti prima, ma questo non era nelle nostre intenzioni».

Lo affermano il coordinatore provinciale del Ncd, Massimo Verrecchia ed il capogruppo Ncd del comune dell'Aquila, Alessandro Piccinini.

«Tal De Matteis - prosegue Verrecchia - si facesse le conferenze stampa che vuole non dimenticando di dire come mai su 'L'Aquila capoluogo', o la stupidaggine del trasferimento degli assessorati da Pescara, non ha mai proferito parola nei quindici anni di consigliere regionale. Altro che Erode, De Matteis ci fa pensare a Noè, bravo a dividere, Mosè riuscì a dividere le acque mentre De Matteis riesce sempre a dividere il centrodestra così come sta facendo e così come ha fatto alle scorse amministrative».

«I cittadini aquilani - aggiunge Verrecchia - hanno ben altri problemi e non meritano di assistere a questi puerili e sterili interventi di De Matteis che trasudano di tracotanza politica, conditi di insulti. Noi continueremo, sul tema di 'L'Aquila capoluogo', a percorrere la strada politica della condivisione costruttiva senza mortificare nessun territorio abruzzese aggiungendo anche, che se dallo stesso De Matteis arrivasse qualcosa di intelligente sul tema 'L'Aquila capoluogo' la penderemo in considerazione.

Il Nuovo centrodestra - sottolinea Piccinini - non perderà quindi più tempo a stare dietro le fisime di De Matteis e dei suoi sodali. Verrecchia e Piccini concludono rivolgendo un: "De Matteis stai sereno"!».

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});