IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Le Pagelle del Misde: Juventus-Hellas Verona 4-0

Più informazioni su

di Lorenzo Di Cola

La squadra di Allegri conferma la superiorità sui Veneti dimostrata in settimana (6-1 in Coppa Italia) e rifila altri 4 goal alla squadra di Mandorlini. Dopo il solito tiro da fuori area di Pogba, la Juventus rafforza il proprio vantaggio con una doppietta di Tevez ed un goal di Pereyra.

JUVENTUS

BUFFON 6: durante gli attacchi della Juventus flirta con le raccattapalle dietro la sua porta e, quando l’inquadratura torna dalle sue parti, si schiera velocemente tra i pali per non essere sgamato da Ilaria D’Amico. VECCHIO VOLPONE

CACERES 6.5: riesce a durare per 90 minuti in campo e, non si sa come, passerà la notte a casa anziché in infermeria. SUPERSTITE

BONUCCI 6: non prendendo neanche in considerazione lo scontato “goal ospite no”, decide di puntare sul 3-0 e dà una sberla a Tevez nel post-partita per aver segnato il quarto goal. ASSASSINO

CHIELLINI 6.5: chiede a Buffon di telefonare a Cech per farsi prestare il caschetto ma il portiere del Chelsea spedisce soltanto un ritaglio di un suo vecchio elmetto. STRACCIONE

EVRA 6: non riesce a brillare neanche contro un avversario duro come un panettone appena sfornato. OPACO

MARCHISIO 6.5: si spoglia dell’abito da principino per indossare la tuta stracciata da giardiniere e finisce il match con mani e piedi sporchi di terra. EL JARDINERO – dal min. 77 PADOIN sv

PIRLO 6: in pieno recupero prova a mandare davanti al portiere anche un bambino di nome Sebastian entrato in campo a pochi minuti dalla fine. NONNO

POGBA 8: dopo la solita grande prestazione, a fine partita dichiara di dover fare molto di più per diventare un campione come Chiellini. CONFUSO

PEREYRA 7: Allegri decide di farlo sentire un fuoriclasse mandandolo in campo contro la peggiore Berretti di Verona, alla quale segna anche un goal. PRESO IN GIRO – dal min. 76 PEPE sv

MORATA 7: gli anni di militanza nel Real al fianco di Cristiano Ronaldo lo hanno aiutato; da quando si allena con Padoin, però, è esploso definitivamente. BOMBA

TEVEZ 7.5: al momento della sostituzione, inizia a gesticolare e si rammarica per non aver provato a dribblare tutta la difesa veronese, come fosse quella del Parma. TROTTOLA – dal min. 83 GIOVINCO sv

HELLAS VERONA

RAFAEL 5: dopo aver difeso la porta del Napoli in mattinata allo Stadio Olimpico di Roma, prende il jet e si presenta a Torino visibilmente stanco. DOPPIO TURNO

MARQUEZ 5: è passato dalla difesa del Barcellona con Puyol e Piqué alla difesa del Verona con un omonimo suo e uno di Belen. SPAESATO

MARQUES 4.5: è arrivato all’Hellas prima dell’ex Barcellona perché, durante le trattative, i dirigenti veronesi erano convinti di aver contattato il centrale messicano. ERRORE

RODRIGUEZ 5: al minuto numero 28 regala un liscio degno dei terzini di terza categoria, con il quale per poco non regala il 3-0 alla Juventus. VAI COL LISCIO

MARTIC 5.5: infallibile negli svarioni difensivi, sbaglia puntualmente ogni intervento in fase di copertura. (MAR)TIC

SALA 5: fa accomodare Pogba ogniqualvolta si avvicini e lascia scoperto un vastissimo spazio del centrocampo. SALONE – dal min. 63 SAVIOLA 5.5: entra per dare manforte ai suoi ma Mandorlini lo getta nella mischia a partita già finita. SPRECATO

TACHTSIDIS 5: memore di un glorioso passato con la maglia della Roma, dopo il vantaggio della Juve protesta con l’arbitro sostenendo che sia colpa del sistema. TOTTI – dal min. 76 HALLFREDSSON sv

LAZAROS 5.5: nella stagione in corso ha giocato bene soltanto contro l’Inter, dal momento che Jesus è l’unico giocatore in grado di farlo resuscitare. LAZZARO – dal min. 87 VALOTI sv

BRIVIO 5: anziché compiere scorribande lungo la sua fascia di competenza, si diverte a correre lungo la schiena dei propri tifosi. BRIVIDO

GRECO 5: dopo essere stato costretto all’esilio per aver mandato in crisi un intero paese, arriva a Verona e fa lo stesso con la squadra di Mandorlini. EBOLA

TONI 5.5: al rientro in campo dopo l’intervallo, la sua squadra si trova sotto di due goal. Nonostante ciò, carica i suoi urlando loro “Dai, dai che so’ cotti!”. MOTIVATORE

[i]LA JUVENTUS BATTE FACILMENTE IL VERONA IN DUE SET[/i]

SEGUI LE PAGELLE DEL MISDE SU FACEBOOK:

[url”https://www.facebook.com/pages/Pagelle-del-Misde/310198919161369?fref=ts”]https://www.facebook.com/pages/Pagelle-del-Misde/310198919161369?fref=ts[/url]

Più informazioni su

X