IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio, Zavettieri: «Domani è un altro giorno»

di Claudia Giannone

Soddisfacente la vittoria dell’Aquila contro la capolista Ascoli: un match in cui tutti gli ingredienti giusti sono stati utilizzati nella misura perfetta, fino ad arrivare a quel 3-0 che ha portato l’entusiasmo alle stelle.

Ma per mister Zavettieri, allo stesso modo felice e soddisfatto, è di nuovo tempo di pensare giorno per giorno.

«Sono molto contento per i tifosi: è stata una bella giornata di sport che ha vissuto la città ed era ciò che volevo alla vigilia. Ma nel calcio conta quello che si farà domani: questa giornata resta in un angolino della memoria, per avere la spinta necessaria per cercare di tirare fuori il massimo da ogni partita. Questo è l’auspicio: che questa vittoria da domani ci faccia ritrovare l’autostima e l’entusiasmo dei tempi migliori e la forza per affrontare il campionato nel modo migliore».

«C’è stato qualcosa – ha proseguito il tecnico – che non mi è piaciuto, come l’inizio della gara, anche se ci può stare. Faticavamo un po’ a prendere le misure, ma una volta prese, la squadra ha fatto una grandissima prestazione. Inizialmente i due centrocampisti centrali erano troppo bassi: dopo aver preso questo accorgimento, c’è stato più equilibrio della squadra e siamo riusciti a fare bene. Ci sono dei particolari su cui lavorare, ma oggi è bello solo sottolineare la grande prestazione della squadra».

Analisi più precisa dell’incontro, con un personaggio in particolare preso in considerazione. Un personaggio da poco parte del mondo rossoblù, ma già radicato all’interno della compagine in modo concreto.

«Il nostro è un gruppo forte e coeso che può crescere ancora. Ci sono ragazzi sani molto legati alla squadra, alla maglia e alla società. Djuric? Nei primi minuti c’è stata un po’ di emozione da parte sua, ma poi ha sovrastato Addae fisicamente e psicologicamente. In generale, abbiamo comunque tenuto bene i primi minuti, poi siamo cresciuti e la squadra è rimasta equilibrata anche dopo il goal».

«Abbiamo nel nostro dna – ha affermato Zavettieri – la possibilità di dare continuità: dobbiamo crescere come gruppo e capire le difficoltà di una situazione di gioco che può compromettere la partita. Ora siamo la miglior difesa del girone, questo è un motivo di orgoglio per noi. Sono stato felice di non aver subito goal contro l’Ascoli».

Ed ora, si pensa al futuro: è il momento del Prato, insidiosa sfidante che secondo il mister vale molto di più del posto in cui si trova.

«Domani è un altro giorno: da domani bisogna ricominciare a pedalare alla grande. Confido nella maturità del gruppo: è bello lavorare anche con euforia ed entusiasmo, sono più attento al fatto di saper gestire una partita differente contro una squadra differente. Mi aspetto una grande prestazione contro il Prato, è una squadra di grandi valori. Dovremo essere subito sul pezzo, concentrati e coscienti dei pericoli che possono arrivare».

X