IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Pet-Tac al San Salvatore

L’analisi diagnostica racchiude due indagini mediche: una sulla funzionalità del metabolismo di tessuti e cellule, l’altra su alterazioni di forma e dimensioni degli organi.

La Asl 1 trasforma in punto di forza una debolezza, recuperando risorse in precedenza destinate al rimborso alle regioni dove i pazienti della provincia fruivano di questo tipo di prestazione.

Dal 22 gennaio prossimo, infatti, un migliaio di utenti, residenti nella Asl 1 Abruzzo, non dovrà più spostarsi di molti chilometri e andare in altre Regioni per sottoporsi a sofisticati esami in grado di chiarire dubbi su sospetti tumori, valutare gli effetti della terapia e il decorso delle neoplasie.

Da giovedì prossimo, infatti, all’ospedale S. Salvatore verrà attivato un esame di alta investigazione scientifica, la Pet-Tac, tramite una postazione mobile montata su un Tir all’esterno del presidio aquilano. Una soluzione-ponte per giungere, in una fase successiva, all’allestimento di un macchinario fisso all’interno dell’ospedale di L’Aquila. La Pet-Tac mobile funzionerà nell’area antistante il reparto di ostetricia e ginecologia e sarà in funzione due giorni a settimana, giovedì e venerdì.

La nuova prestazione, offerta agli utenti della Provincia AQ, rientra nell’attività del reparto di medicina nucleare, diretta dal dr. Massimo di Pietro e somma due esami in uno: un accertamento di carattere funzionale (la Pet, riguardante il metabolismo biochimico di tessuti e cellule, compiuto con farmaci a radioattività controllata) e l’altro di natura morfologica (la Tac, relativo alle alterazioni di forma e dimensione degli organi). La strumentazione, oltre al prevalente impiego nelle patologie oncologiche, viene utilizzata per fare diagnosi complesse su malattie neurologiche e cardiovascolari.

Durante l’esame, non invasivo, si somministra al paziente, ovviamente in dosi non dannose, una sostanza radioattiva. Per sottoporsi all’accertamento nei due giorni della settimana (come detto, ogni giovedì e venerdì), le prenotazioni vanno fatte direttamente al reparto di medicina nucleare di L’Aquila (numero: 0862/368770, telefonando dalle ore 9 alle 12.00) oppure tramite il sito della Asl 1 www.asl1abruzzo.it con l’utilizzo della specifica modulistica. Va detto che l’agenda delle prenotazioni delle prime sedute è da tempo esaurita poiché l’avvio della Pet Tac, fissato e comunicato in un primo tempo il 28 ottobre scorso, fu rinviato per sopravvenuti imprevisti di natura logistica. Da ottobre a oggi il canale delle richieste di appuntamento degli utenti è rimasto aperto e dunque dal 22 gennaio prossimo si procederà con il calendario già stabilito, tenendo però conto di determinate priorità.

«In questa prima fase – afferma il dr. di Pietro – daremo la precedenza alla malattie oncologiche e alle situazioni urgenti. Per ora faremo una ventina di esami a settimana ma successivamente, in base al volume di richieste dei pazienti, valuteremo la possibilità di potenziare l’attività».

Con il nuovo servizio la Asl recupererà una cospicua parte di risorse finanziarie perché non dovrà più rimborsare le regioni dove finora gli utenti della provincia hanno effettuato questo tipo di prestazione.

X