IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Paganica Rugby perde con il Modena 1965

Comincia male l’avventura in Pool Salvezza del Paganica Rugby, che (complici troppa leggerezza nei momenti chiave del match, ma anche una direzione di gara rivedibile) cede in casa al Modena e vede così interrotta una striscia di imbattibilità interna che durava dall’inizio della stagione 2013/2014.

Prima della gara, un minuto di raccoglimento per ricordare i due giocatori della Old Sulmona deceduti un anno fa in un tragico incidente stradale.

Poi, gli 80 di gioco.

Rossoneri che avrebbero l’opportunità di sbloccare il punteggio al quarto minuto: fallo modenese in mischia, la posizione è favorevole, vengono chiamato i pali ma il piazzato di Stefano Rotellini finisce largo.

L’errore dalla piazzola dà coraggio al Modena.

I biancoverdi di Ogier alzano il ritmo, cominciano a sviluppare un buon gioco alla mano, attaccano con efficacia gli spazi che si aprono nei 22 paganichesi e, all’ottavo minuto, capitalizzano mettendo a segno la prima meta dell’incontro, marcata sfruttando una buona trasmissione esterna dell’ovale in uscita da una ruck e la superiorità numerica venutasi a creare sulla corsia mancina.

Dalla piazzola, preciso il piede di Marzougui che porta il Modena sul 7-0.

Il Paganica non demorde, si riorganizza e, cinque minuti dopo, accorcia le distanze con un piazzato concesso per fallo di antigioco della mischia emiliana e mandato a segno da Stefano Rotellini.

I rossoneri, però, non riescono a trovare continuità nella manovra offensiva; il Modena approfitta della situazione, gioca sui calci di spostamento per guadagnare metri e, a metà frazione, marca la seconda meta.

Touche sul primo blocco, ovale portato a terra, perfetta organizzazione della maul avanzante che forza la linea difensiva rossonera così consentendo alla terza centro Luca Venturelli di schiacciare oltre i pali.

Pali che non vengono centrati da Marzougui: il suo tentativo di trasformazione finisce largo, ma il Modena si issa comunque oltre il break sul 12-3.

Il Paganica si getta in avanti per cercare di raddrizzare la situazione e, al 29′, marca la sua prima meta: Lattanzio carica il diretto placcatore riuscendo a portando l’ovale oltre il punto d’incontro e a ridosso dell’area di meta, si forma la mini unit di sostegno con Alfonsetti che subito trasmette l’ovale a Fabio Rotellini abile a trovare il varco tra due maglie biancoverdi depositando poi oltre i pali.

Stefano Rotellini aggiunge i due punti della trasformazione e il Paganica si riporta a contatto sul 12-10.

Nel suo momento di massimo sforzo offensivo, però, i rossoneri peccano in lucidità: un ovale perso sulla destra, con la rete difensiva sbilanciata, consente al Modena di andare per la terza volta in meta.

Marzougui manca la trasformazione e il primo tempo va in archivio con gli emiliani in vantaggio per 17-10.

Vantaggio che aumenta ancora a inizio ripresa: piazzato concesso dal direttore di gara Colantonio, Marzougui stavolta centra i pali e porta i suoi sul 20-10.

Doppiati nel punteggio i ragazzi rossoneri si compattano, tirano fuori le unghie e l’orgoglio per cercare di riaprire la partita e centrano l’obiettivo al quarto d’ora: in uscita da una ruck Alfonsetti allarga per Giordani, poderosa la carica centrale della terza centro ex Rieti che resiste a un paio di placcaggi e schiaccia in meta.

Sfortunato Stefano Rotellini che non centra i pali, ma situazione di nuovo in bilico sul 20-15 Modena.

Lo stesso Stefano Rotellini avrebbe, otto minuti dopo, l’opportunità di accorciare ulteriormente la forbice ma manca l’acca modenese confermando la sua giornata poco felice dalla piazzola.

Nel finale di gara il Paganica prova a dare la sterzata decisiva ma sbatte sistematicamente contro l’ordinato pacchetto difensivo modenese; gli ospiti, dal canto loro, quando in possesso dell’ovale lo amministrano bene conquistando anche un piazzato che, mandato a bersaglio da Marzougui, fissa il punteggio sul 23-15 con cui l’incontro va in archivio.

L’imperativo, ora, per il XV paganichese è uno solo: ritrovare subito lo spirito mostrato della prima parte di stagione per andare a fare bottino pieno domenica prossima in casa della Union Viterbo.

[url”Torna alla Home Targatoaz.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X