IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Piazza Don Giovanni Valente, per non dimenticare

Sarà intitolata a Don Giovanni Valente la nuova piazza realizzata dall’amministrazione Di Pangrazio davanti la Chiesa di San Giovanni Decollato.

Facendo seguito alla domanda che gli stessi abitanti del quartiere hanno presentato, il sindaco Di Pangrazio ha deliberato l’intitolazione alla memoria di Don Giovanni Valente, parroco della chiesa dal 13 gennaio 1915 al 16 maggio 1953.Don Giovanni Valente (Villa San Sebastiano 28.02.1877 – Avezzano 16.05.1953) era il parroco della Chiesa di San Francesco in Tagliacozzo, ma decise di trasferirsi lo stesso giorno del tremendo sisma che distrusse la Marsica ad Avezzano, per dare assistenza alla popolazione.Da testi storici risulta, infatti, che Don Giovanni Valente, fu uno dei primi ad accorrere ad Avezzano dove si distinse per l’opera altamente encomiabile che prestò per molti giorni, senza pause nè riposo, nell’intento di salvare il maggior numero possibile di vite.

«Scavò tra le macerie, incoraggiò i superstiti e soccorse i feriti’ come riportato da Mons. Marcello Bagnoli Vescovo dei Marsi.Dalla stessa pubblicazione citata si rileva come non vi fosse iniziativa, opera di soccorso o comitato in cui Don Giovanni Valente non esercitasse un’azione propositiva. Molte testimonianze riportano come non fosse raro ‘vedere la veste sacerdotale e le mani del Parroco arrossate di macchie di sangue».

«Con questo gesto di memoria e di ringraziamento, vogliamo riconoscere un tributo di stima ad un uomo che si è distinto per generosità, dedizione e spirito di sacrificio – commenta il sindaco Giovanni Di Pangrazio -. Tra le baracche costruite ad Avezzano dopo il terremoto Don Giovanni realizzò una prima chiesetta in cui raccogliere i fedeli in preghiera e ridare speranza ai superstiti.Dobbiamo ricordare il coraggio di questi uomini – conclude il sindaco – come esempio e come sprone per tutti noi, affinchè ci siano tanti ‘Don Giovanni Valente’ nella storia di Avezzano».

X