IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ospedale, lunedì riapre il bar interno

di Roberta Galeotti

Sarà di nuovo possibile prendere un caffè nel bar interno dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila.

Riaprirà lunedì prossimo, 19 gennaio, il bar tavola calda vicino la banca Bper e l’Ufficio Informazioni, e avrà locali più ampi rispetto alla precedente struttura.

Un servizio venuto a mancare a causa del terremoto del 2009 e ripristinato quindi a quasi sei anni di cessata attività.

La riapertura è più volte slittata anche per via di lungaggini burocratiche e annullamento della prima gara d’appalto, saltata a causa del mancato inserimento di una delle lettere dell’offerta.
Inoltre aveva fatto molto discutere anche l’ammontare di un canone annuo versato all’azienda, che corrisponde a 108 mila euro.

La gestione dell’attività è stata affidata all’azienda romana di ristorazione e servizi Itaca Srl, che subentra alla vecchia gestione della Cooperativa di Lavoro La Cascina. La nuova cooperativa gestirà il bar per 5 anni, contratto che poi potrà avere una proroga.

Per quanto riguarda il personale, l’azienda romana ha riassorbito i vecchi dipendenti, come prevedeva la postilla inserita nel bando di gara, e ne ha assunti altri per un totale di nove lavoratori.

Finisce così, dopo quasi sei anni, un disservizio per tutti gli utenti dell’ospedale, in primo luogo per i malati, i primi a non avere la possibilità di uscire e recarsi nei bar limitrofi.

«Stiamo andando avanti per il recupero completo dell’ospedale. Siamo felici di restituire un servizio importante a tutta la collettività» afferma Giancarlo Silveri intervistato da IlCapoluogo.it.

«Inoltre un nuovo passo – ci dice il manager della Asl1 Avezzano Sulmona L’Aquila – sarà quello di sistemare i locali della mensa. C’è una gara d’appalto in corso.

Poi ancora nei mesi di febbraio e marzo verranno recuperati gli spazi delle chirurgie, saranno spazi non definitivi ma adeguati che in futuro verranno destinati ad altre cose. Intanto – conclude Silveri – si procede a passo spedito sul trasferimento di alcuni servizi nella struttura dell’ex Onpi, anche le situazioni precarie che sono rimaste a Collemaggio saranno interessate dal trasferimento sempre nei locali dell’ex Onpi entro il 15 febbraio, compreso il Centro Vaccinazioni».

[url”Torna alla Home Targatoaz.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X