IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio: post gara dei rossoblù

di Claudia Giannone

Tre i giocatori a voler dire la loro al termine di L’Aquila-Ascoli. Il primo è il capitano rossoblù, Marco Pomante.

«Oggi abbiamo dimostrato di giocare come dobbiamo fare, con cattiveria e determinazione. Non ce n’è per nessuno, ce la possiamo giocare con tutti. Questa deve essere la nostra mentalità, se vogliamo arrivare in alto. I nuovi? Oggi hanno dimostrato di poter far parte di questo gruppo».

«Siamo stati bravi a non mollare – ha proseguito – anche sul 3-0. Se avessero riaperto la partita, con questi attaccanti, sarebbe potuto succedere di tutto. Siamo rimasti concentrati per tutti i 95 minuti e questo deve essere lo spirito giusto. Sapevamo che si trattava di una partita importante, ma non era determinante. Siamo solo alla seconda sfida di ritorno».

Poco dopo, ecco il commento di Marco Djuric, nuovo arrivato in casa rossoblù e già pronto a parlare della sua prima marcatura.

«Era la prima partita per me, tra l’altro contro l’Ascoli. Anche se fosse finita 2-0, senza il mio goal, avremmo vinto comunque, ma segnare oggi è stato importante. I ragazzi mi hanno aiutato molto oggi, ero un po’ teso. Spero di fare altri goal con questa maglia».

«Il mio procuratore – ha spiegato – mi ha chiamato due settimane fa, mi ha detto che c’era questo interesse da parte dell’Aquila. Ero e sono molto felice. Il mister mi ha voluto da subito per preparare la partita di Ascoli. Corapi? È di un’altra categoria. Mi trovo molto bene con lui».

Infine, a festeggiare per il primo goal stagionale in maglia aquilana, è anche Francesco Virdis.

«È stato un bel goal, ma soprattutto una bella azione. Quell’episodio è stato molto importante, come anche il secondo. Tra due squadre forti, è questo che fa la differenza. Il calcio è così. Ora ci godiamo questa vittoria, ma da martedì dobbiamo pensare al Prato, perché sappiamo che non c’è niente di scontato».

«Nessuno di noi – ha ammesso – poteva sperare in un risultato simile. Pozzebon è arrivato due giorni fa, non c’è stato proprio il tempo. Con Sandomenico, ci alleniamo insieme da due settimane, ma con la neve e i diversi problemi non è stato facile. Oggi, ovviamente, siamo più in sintonia, ma dobbiamo continuare a lavorare e a conoscerci al meglio».

Una scelta presa molto tempo fa, quando il calciomercato era solo all’inizio. Una delle mosse che Di Nicola ha preferito fare in un primo momento.

«Ero convinto di questa scelta sin dal 20 dicembre: L’Aquila si è sempre dimostrata super interessata, mi hanno voluto a tutti i costi. Ora, sono ancora più convinto. È stata una partita di quelle che vorresti sempre giocare, con un pubblico molto importante. Siamo contenti che sia andata così».

[url”Torna alla Home Targatoaz.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X