IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Gran Sasso: «Stagione sciistica al collasso, cifre da chiusura»

Numeri di morte e cifre da chiusura segnano il destino del Gran Sasso. Parla chiaro il direttore della Scuola di Sci di Assergi Luigi Faccia, intervistato da

IlCapoluogo.it. «La situazione è insostenibile, Campo Imperatore sarà costretto definitivamente a chiudere i battenti». Sono i numeri stessi a parlare, i dati ufficiali che rimarcano un brutto inizio di stagione in una stazione sciistica che continua a funzionare male.

{{*ExtraImg_229595_ArtImgRight_300x300_}}Nel periodo di apertura di quest’anno, dal 3 gennaio a oggi, si registra un -65% di presenze per la Scuola di Sci e un -75% per il noleggio delle attrezzature.

Il quadro non migliora se si confrontano le percentuali di quest’anno con quelle dello scorso anno. Per la Scuola di Sci si arriva a -80% e con il noleggio si sfiora il -90% di affluenza. Numeri allarmanti che in maniera evidente ribadiscono quanto sia antieconomico tenere le piste aperte in queste condizioni.

Il direttore Faccia denuncia anche la mancata programmazione. «Qualsiasi attività turistica, commerciale e industriale ha bisogno di una salda organizzazione. La mattina alle 9 – continua Faccia – non sappiamo cosa faremo alle 10. Se nevica si scia, altrimenti no».

{{*ExtraImg_229596_ArtImgRight_300x300_}}Con queste premesse è inutile parlare di rilancio industriale e turismo. A questo punto tira in ballo la questione dell’innevamento artificiale, che tanto fa discutere in questi giorni. «Una stazione sciistica seria deve avere l’impianto di innevamento». Non c’è nessun problema relativo al reperimento dell’acqua, infatti la sorgente delle Fontari basterebbe da sola a creare un bacino da destinare all’innevamento artificiale l’inverno e al bestiame durante il periodo estivo. «Per effettuare tali lavori – conclude Faccia – bisogna avere il coraggio di chiudere un anno o, meglio ancora, effettuare i lavori da marzo a ottobre».

C’è da dire, inoltre, che i servizi offerti non sono dei migliori. A Campo Imperatore è rimasto un solo bar tavola calda che offre servizi minimi ai già pochi turisti e amanti dello sci. (Fra.Ma.Gal.)

X