IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Addio all’addestratore comportamentalista cinofilo Accettella

E’ morto dopo una lunga malattia, nella sua abitazione di Cepagatti (Pescara), l’addestratore comportamentalista cinofilo Piero Accettella, noto per aver creato, negli anni ’90, la razza del Pastore italiano, cane da guardia, difesa e utilità.

Sessantadue anni compiuti ieri, Accettella, con il suo allevamento “[i]Little ranch[/i]” era conosciuto e aveva contatti in tutto il mondo.

Il Pastore italiano – definito un lupoide-molossoide perché ha tratti lupoidi, con il fisico e il carattere di un molosso – è frutto di anni di ricerca da parte di Accettella, il quale, dopo avere studiato esemplari presenti in Abruzzo, Marche, alto Lazio, Toscana e Umbria, ha individuato dei soggetti interessanti portando avanti la selezione, battezzata negli anni ’90 con il nome di “Cane da Pastore Italiano“; nel 1997 è stato stilato il primo e attuale standard di razza, riconosciuto dall’Associazione Nazionale Cinofilia Italiana.

L’abruzzese, tra l’altro, è protagonista del volume “[i]Piero Accettella – Cinofilia, filosofia di vita. Il pastore italiano[/i]”, scritto da Sergio Marchi. Il libro, presentato nel 2013, rappresenta il frutto di quarant’anni trascorsi dall’addestratore e ricercatore del comportamento cinofilo a contatto con i cani e con il pastore italiano.

X