IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Tartufi e funghi, pioggia di sanzioni in Abruzzo

Tre ordinanze di revoca e dodici di sospensione del Tesserino raccolta tartufi per altrettanti raccoglitori, 20 chili di tartufo confiscato, elevate sanzioni amministrative per oltre 24.000 euro, svolti 450 controlli negli ultimi due mesi in materia di raccolta, tutela e valorizzazione dei tartufi in Abruzzo; 45, invece, le infrazioni riscontrate, nei mesi di ottobre e novembre, per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei in regione Abruzzo per un importo pari a 6.000 euro. Questo un primo report delle attività svolte dal Corpo forestale dello Stato in Abruzzo per la sicurezza agroalimentare in applicazione di leggi regionali.

L’attività è stata coordinata a livello regionale dal reparto specializzato nel contrasto alla criminalità in ambito agroalimentare, forestale (N.a.f.) e alla contraffazione dei prodotti di qualità. Mentre i controlli sono stati svolti dai 71 Comandi stazione forestali presenti in regione e dai Nuclei Agroalimentare e Forestali presenti in ogni Provincia.

Il N.a.f. regionale opera, secondo gli indirizzi del Nucleo Nazionale istituito con DM del 9 maggio 2001, su tutto il territorio abruzzese svolgendo funzioni di coordinamento ed indirizzo info-investigativo e di analisi in tema di sicurezza agroalimentare, fornendo supporto operativo e logistico alle strutture periferiche del Corpo forestale dello Stato.

Il Naf Abruzzo ha partecipato anche all’operazione nazionale denominata “Bulgaria”, nella quale un’azienda beneventana importava vino dall’Est Europa spacciandolo per made in Italy. Svolgendo 30 controlli sulla filiera della grande distribuzione sono state sequestrate, nella sola provincia di L’Aquila, oltre 500 bottiglie di vino ritenuto illecitamente prodotto e distribuito sul territorio regionale. La Forestale ha accertato che dalla Bulgaria proveniva una notevole quantità di vino che risultava poi commercializzato con delle etichettature, di marchi come Falanghina e Aglianico Beneventano I.G.P., ritenute totalmente contraffatte. I disciplinari di produzione stabiliscono infatti che, per la produzione di vini IGP e DOC, devono essere seguite scrupolose regole sull’origine delle materie prime e senza utilizzare alcun tipo di adulterazione. Le attività di controllo nel settore, a tutela del consumatore, continueranno per tutto il periodo delle festività natalizie.

X